È un titolo che riporta due dati reali ed esistenti. Da stamattina ricevo messaggi con polemiche su questo titolo, però francamente noi per 10-20 anni abbiamo tutti spinto a fare outing (coming out, ndr), cioè l’outing è stato fatto. Un giornale registra questo. Allora è colpa del giornale?”. Così, a L’Aria che Tira (La7), mostrando qualche incertezza sulla differenza tra i termini “outing” e “coming out”, il direttore responsabile di Libero, Pietro Senaldi, difende il discusso titolo odierno del quotidiano (“C’è poco da stare allegri: Calano fatturato e Pil ma aumentano i gay”).
“Abbiamo scritto in maniera molto asettica che aumentano i gay” – prosegue Senaldi – “E’ cronaca e non c’è alcuna relazione tra questo dato e quello sul Pil. Siamo un giornale popolare e abbiamo dato una notizia economica e una notizia di cronaca”.
Non ci sta lo stilista Bruno Tommassini, che obietta: “Tu o chi per te hai fatto un titolo perché si leggesse, anche se poi il contenuto dell’articolo (di Filippo Facci, ndr) dice altro. Il titolo è stato fatto apposta, ma non si fa così un giornale. Facciamo cose più serie, specie in un momento così difficile per la società”.
Senaldi insiste con il menzionare l’”outing” e aggiunge: “Ritengo un po’ liberticida attaccare così pesantemente un articolo di giornale. Ognuno dice quello che gli pare. Non abbiamo offeso nessuno e abbiamo rilevato un fenomeno. Chi apprezza Libero lo compra. Chi non lo apprezza non lo compra”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Reddito cittadinanza, Scanzi: “Renziani raccolgono firme per referendum? Loro tendenza al suicidio è insondabile”

prev
Articolo Successivo

Lino Banfi, Di Maio: “È il nonno d’Italia. Conosco quasi tutti i suoi film”. E si sottopone al cine-quiz de ‘L’aria che tira’

next