“Il conflitto Cina-Usa sta cominciando a influenzare l’economia cinese, ma l’impatto è ancora gestibile”. Lo ha dichiarato lunedì Ning Jizhe, direttore dell’Istituto nazionale di statistica (NSB), all’annuncio dei dati economici per il 2018. Nel quarto trimestre il Pil cinese è cresciuto del 6,4% – in calo rispetto al 6,5% dei precedenti tre mesi – trascinando verso il basso le stime complessive per l’anno appena concluso. Nel 2018, l’economia cinese ha riportato un tasso di crescita del 6,6%, il peggiore dal 1990. Sebbene in linea con gli obiettivi del 6,5% stabiliti a inizio anno, i numeri dimostrano un calo trasversale degli indici, dall’export agli investimenti infrastrutturali, fatta eccezione per i servizi e la produzione industriale, leggermente in ripresa. A preoccupare è soprattutto l’erosione dei consumi interni, il segmento su cui Pechino conta di più per affrancare l’economia nazionale dagli investimenti, vero volano dell’ultimo decennio di ascesa cinese ma altresì all’origine dell’endemico indebitamento dei governi locali. Mutui, affitti e spesa sanitaria concorrono, insieme alla stagnazione dei salari, a indebolire il potere d’acquisto dei consumatori.

Le proiezioni per il 2019 non sono particolarmente incoraggianti. Soprattutto considerata la scarsa attendibilità delle statistiche governative. Mentre gli esperti internazionali scommettono su un 6,3% a livello nazionale, tredici delle venti province ad aver già reso noti gli obiettivi per il nuovo anno hanno ridimensionato le proprie aspettative. Il rallentamento non risparmia nemmeno le aree costiere, cuore pulsante del manifatturiero cinese. A Shenzhen, la Silicon Valley cinese, quest’anno le vacanze per i lavoratori nei comparti dell’elettronica, del tessile e dei ricambi per auto sono cominciate con due mesi di anticipo rispetto all’inizio dei festeggiamenti per il Capodanno cinese (5 febbraio). Mentre la disoccupazione si attesta – ufficialmente – ancora al 4,9%, le possibili ripercussioni della frenata sul mercato del lavoro rappresentano uno dei grattacapi maggiori della leadership cinese, ossessionata dalla stabilità sociale. E l’andamento demografico non aiuta.

Secondo i dati rilasciati contestualmente dal NSB, nel 2018 si sono registrati appena 15 milioni di nuovi nati, 2 milioni in meno rispetto all’anno precedente. La popolazione cinese non cresceva a ritmi tanto bassi dalla grande carestia del 1961, ma quel che più preoccupa è il progressivo calo della manodopera, diminuita di 4,7 milioni lo scorso anno. Segno che l’abolizione della politica del figlio unico, annunciata nel 2015, non è in grado di arrestare il rapido invecchiamento della popolazione. Stando all’agenzia Xinhua, nel 2050, 487 milioni di cinesi avranno almeno 60 anni, quanto il totale della popolazione americana.

Alla luce di quanto detto si capisce come la guerra tariffaria in corso con gli Stati Uniti non costituisca la causa primaria del rallentamento economico, imputabile piuttosto a fattori di ordine interno. Analizzando le statistiche, il Global Times mette in risalto come una crescita più lenta non implichi uno stato di “crisi” bensì “un processo di risoluzione di problemi difficili, in cui il controllo di gravi rischi sfocerà in un atterraggio morbido. La Cina ha riadattato la sua economia e mantenuto una crescita a velocità medio-alta, dimostrando la sua resilienza”. D’altronde, trattasi soprattutto di mali autoinflitti nel tentativo di combattere inquinamento ed esposizione debitoria dei governi locali. Due crucci a cui Pechino ha riposto negli ultimi anni limitando la sovra-capacità industriale (con conseguenti licenziamenti), raffreddando il mercato immobiliare e sospendendo nuovi costosi progetti infrastrutturali. E proprio per evitare di incorrere nei vecchi errori che, escludendo l’arrivo di nuovi stimoli economici sul genere sperimentato nel 2008, stavolta il governo cinese ha promesso di intervenire chirurgicamente con sgravi fiscali e incentivi “soft”. Sarà sufficiente a prevenire un hard landing?

La Cina ha bisogno di un tasso di crescita minimo del 6,2% per poter realizzare i “due obiettivi centenari”, annunciati dal presidente Xi Jinping nel 2014: “Raddoppiare il Pil e il reddito pro-capite del 2010 nelle aree urbane e rurali, e raggiungere una società moderatamente prospera entro il centenario del Partito (2021). E rendere la Cina un Paese socialista moderno che sia prospero, forte, democratico, avanzato culturalmente e armonioso entro il centenario dalla fondazione della Repubblica popolare (2049)”.

Lo stesso giorno in cui le autorità cinesi hanno annunciato il rallentamento dell’economia nazionale, Xi Jinping convocava funzionari provinciali e ministeriali per istruirli sui rischi politici, ideologici economici e sociali causati da “profondi cambiamenti del contesto internazionale”. Chiara allusione alla guerra commerciale con gli States ma non solo. Secondo il presidente si tratta di sfide a lungo termine che interessano la tenuta della leadership così come le riforme economiche. Il 2019 si presenta ricco di date sensibili – dal 30esimo anniversario di Tian’anmen ai dieci anni degli scontri etnici di Urumqi – che sommate alla traballante performance economica potrebbero alterare l’agognata armonia sociale. Ben altro clima rispetto a quello respirato nell’autunno 2017, quando, durante il 19esimo Congresso del Partito, Xi descrisse la Cina come un modello per il resto del mondo.

di China Files

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il franco Cfa è un cappio al collo, ma non è la causa di tutti i mali d’Africa. Facciamo il punto

prev
Articolo Successivo

Romania, ministero di Giustizia annuncia decreto d’emergenza. “Invalida centinaia di processi per corruzione”. Faro dell’Ue

next