“Non è un disco per tutti, soprattutto in questa società dove l’ultimo flirt della showgirl di turno, i deliri dei politici, i video dei blogger che giocano ai videogiochi o si cagano addosso tolgono spazio e interesse alla complessità, alla ricerca, alla sensibilità”. Tommaso Primo parla del suo secondo album, 3103 (Arealive – Fullheads / Warner). Un disco che racconta un futuro immaginario in cui l’uomo è costretto a lasciare la Terra.

“Il pianeta – continua il cantante – fra disastri ambientali e guerre termonucleari è diventato ormai inadatto alla sopravvivenza: si parte verso l’ignoto, ma prima di salire sull’astronave ricordi e sentimenti affollano le menti di chi sta per lasciare per sempre la propria casa”. Il giovane cantautore napoletano è una delle voci più belle e delle penne più interessanti della nuova scena partenopea. Ha il coraggio di sperimentare e spingersi oltre, il coraggio di chi è alla ricerca continua di un’identità.

3103

Prezzo: 7.42€

Acquista su Amazon

3103 è un caleidoscopio di suoni, colori e concetti in cui si trova l’eco di tutto il Neapolitan power a partire dalla bellissima Cassiopea, che su atmosfere danieliane racconta l’esodo dei terrestri alla ricerca di nuovi pianeti sulle ali della “melodia fantasy”. L’album mescola il tropicalismo brasiliano e il soul americano calandolo nel pentolone del sound napoletano, un big bang, come l’omonima canzone, da dove fuoriescono supereroi e mostri, per ricordarci che invertire la rotta non è solo possibile, ma necessario.

Com’è nato questo concept album?

Sono sempre stato un sostenitore dell’immaginario futuristico/spaziale, ma la scintilla che ha dato vita al tutto, il momento esatto in cui ho detto “Si, lo faccio”, è stato dopo aver letto la notizia dell’allarme dato dalle Nazioni Unite, qualche anno fa, dove si comunicava all’umanità che a marzo 2016 si stavano già utilizzando le risorse alimentari del 2017 e che con il passare degli anni, se non si fosse messo un freno al consumismo scellerato di cui l’essere umano è colpevole, la forbice sarebbe addirittura aumentata. Ho provato dunque a immaginare il futuro, descrivendone un periodo terrestre e uno astrale con Cassiopea, la canzone che descrive il viaggio, a fare da spartiacque.

Un album fantascientifico. Qual è il tuo background?

Dal tropicalismo a Dragonball, dai supereroi alla margherita con bufala, dalle classiche napoletane alle sigle dei cartoni animati giapponesi, passando per gli Oliver Onions, Odissea nello spazio, Pino Daniele e il realismo magico. Schizofrenia culturale, in un album dove ogni brano appartiene a un genere diverso, un po’ come gridare al mondo: “la vostra monotonia ha rotto le palle”!

Cosa pensi della nuova scena cantautorale napoletana di cui fa parte?

È solo una delle numerose scene che nascono in città, di sicuro è quella in cui mi ci trovo meglio. Tutto quello che si è conquistata lo ha fatto con le proprie forze, senza l’aiuto di investimenti milionari e senza fare da colonna sonora a serie televisive. È la voce di una parte di popolo, forse piccola ma quella che più mi piace, viva e intelligente, umile e laboriosa. Si fa spazio fra mille mortificazioni e a volte inciampa nei marchingegni della burocrazia locale, è spinta poco ma ha la fortuna di avere un pubblico resistente che le permette di vivere di musica ed è già tanto.

Cosa manca per fare il grande salto?

Investimenti economici e riflettori accesi, spazi dove potersi esibire visto che ce ne sono sempre meno, confronto e maggiore diffusione. Un album che in chiave fantasy tratta diversi temi sociali.

Cosa ti spinge a trattare questi temi?

A volte il fantasy racconta la realtà mostrandone sfumature nascoste: evidenzia le supposizioni, per esempio, e mette in evidenza una morale. Cosa mi spinge a trattare temi sociali? La necessità! Viviamo nell’epoca dell’osannazione del nulla, dell’imbambolimento delle masse, dei cervelli spenti e del disprezzo degli ultimi. Stiamo subendo un processo d’imposizione del pensiero e mettiamo il successo individuale sopra ogni altra cosa (“Ego ha travolto Ecos, molesta idea di felicità”) perché consideriamo il riscatto materiale e personale l’unica fonte di benessere, annullando ogni minimo residuo di idea di comunità. Ci sono marche ovunque, anche dove non dovrebbero esserci, e stiamo consegnando il mondo nelle mani di pochi che prenderanno scelte al posto nostro. Non è assolutamente il tempo per stare in silenzio, bisogna dire la propria con coraggio e cercare assolutamente il confronto e il dialogo con il prossimo, dovremmo essere più umani e discutere di presente e futuro. “Restare umani”, diceva Vittorio Arrigoni. Che invito meraviglioso.

Chi è il superman napoletano?

La leggenda del Superman napoletano è l’unico brano del disco ambientato a Napoli. È stato scritto qualche anno fa ed è stato decisamente premonitore sull’attuale situazione politica e sociale italiana, tanto da annusare la crescita esponenziale della Lega Nord quando il Carroccio era solo al 4% delle preferenze. È una canzone che prende in giro i cliché – vecchi e nuovi, reali e irreali – che “affliggono” la nostra città, combattuti da un supereroe dagli abiti raccattati e con un fisico da sollevatore di forchette. C’è un significato profondo però fra i suoi versi di matrice ironica, ovvero l’elogio all’uomo comune che in questa Metropolis (per citare il celebre fumetto), dove il lato oscuro e il lato buono della forza sono perennemente in conflitto, cerca di farsi strada sfuggendo ai tranelli nascosti dietro ogni angolo, con volontà, intelligenza, dedizione e lealtà.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dolores O’Riordan, un anno fa abbiamo perso qualcosa di importante

next
Articolo Successivo

Piero Ciampi, oggi, anche un solo pensiero è per lui

next