Morgan torna in Rai, l’ufficialità arriva da Rai2. Giovedì 24 gennaio l’artista sarà alla conduzione di “Freddie”, uno speciale dedicato ai Queen e allo storico concerto del 1981 al Forum di Montreal che portò alla realizzazione del doppio album e del dvd “Queen rock Montreal”. Il direttore Carlo Freccero cavalca l’onda del grande successo del film “Bohemian Rhapsody” affidando a Marco Castoldi, nome d’arte dell’ex giudice di X Factor, le incursioni narrative e l’analisi dei brani musicali proposti dalla rockband nel leggendario concerto.

Non solo, lo speciale si soffermerà sulla storia dei Queen e sul look del frontman, sarà curato dal capostruttura Daniele Cerioni e fimato dall’autrice Cristiana Turchetti. Giovedì dovrà sfidare il debutto della nuova edizione de L’Isola dei Famosi e la fiction Che Dio ci aiuti che anche ieri ha ottenuto quasi sei milioni di telespettatori e il 26% di share. Morgan si avvicina, dunque, al ruolo di coach di The Voice of Italy: “Ho messo a punto il talent con Simona Ventura che partirà il 16 aprile e dove spero di avere in giuria Asia Argento e Morgan. Lo spero, è un sogno”, ha dichiarato Freccero a Panorama.

Castoldi negli ultimi anni ha avuto con la Rai un rapporto turbolento e altalenante, l’ultima sua presenza sulla prima rete del servizio pubblico era avvenuta nel 2017 a Ballando con le stelle dove aveva partecipato come ballerino per una notte dopo la rottura con Maria De Filippi e Amici. L’esilio, se così si può definire, era iniziato nel 2010 con l’esclusione dal Festival di Sanremo dopo aver dichiarato di consumare crack. Dopo sei anni era tornato sul palco dell’Ariston con i Bluvertigo ma aveva poi scritto a Roberto Fico, allora presidente della Commissione di Vigilanza Rai, per sottolineare l’indifferenza dell’azienda di Viale Mazzini verso di lui e i suoi progetti.  Prima di sbarcare a The Voice potrà mettersi alla prova con lo speciale su Freddie Mercury, in simulcast alle 21.20 su Radio 2, il pubblico apprezzerà?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ornella Muti, la foto del lato b a 63 anni per la #10yearschallange: ma per i fan “le ciabatte rovinano lo scatto”

prev
Articolo Successivo

Mia Martini, parla la sorella Leda: “E’ stata una morte avvolta nel mistero. Credo sia giusto riparlarne. Ma il film “Io sono Mia” non rispecchia la verità”

next