La morte di Mia Martini, avvenuta il 12 maggio 1995, è da anni avvolta nel mistero. Le ipotesi di suicidio sono state più volte smentite dalle sorelle Olivia, Loredana e Leda, quest’ultima torna sull’argomento in un’intervista al settimanale Spy: “Io e Loredana abbiamo visto sul cadavere di nostra sorella dei lividi sia sulle braccia sia sulle gambe. Il che fa pensare a una discussione piuttosto violenta con qualcuno, forse con nostro padre a cui si era riavvicinata? Lui è sempre stato violento.”

Accuse precise, non per la prima volta, nei confronti del genitore: “E poi perché, subito dopo i funerali, senza dire niente a nessuno, lui ha fatto cremare il corpo? Devono ancora darmi delle spiegazioni. È stata una morte avvolta nel mistero, ci sono troppi punti oscuri, anche se sono passati tanti anni credo sia giusto riparlarne“, ha aggiunto Leda Bertè. I riflettori si sono accesi nuovamente sul caso Mia Martini anche per la presenza nelle sale cinematografiche di “Io sono Mia“, film a lei dedicato in onda il 12 febbraio su Rai1: “L’idea di fare un film su mia sorella, Mia Martini, è stata mia. Tre o quattro anni fa ho incontrato Luca Barbareschi, che ora ha prodotto il film “Io Sono Mia”, e gli ho consegnato un progetto per fare qualcosa su Mimì. Tant’è vero che avevo già scritto tutta la storia dei Bertè e avevo depositato alla Siae il fascicolo. Eppure, nonostante questo, non sono stata interpellata per la sceneggiatura, a differenza delle mie sorelle Loredana e Olivia”.

Un prodotto che non ha convinto la sorella maggiore di Mimì che non risparmia critiche nemeno alla protagonista Serena Rossi: “Sono convinta che questo film non rispecchi la verità sulla vita della mia famiglia e di Mimì. Loredana e Olivia, le più piccole, non possono sapere tante cose della nostra famiglia. E poi ho intravisto la ragazza che la interpreta, Serena Rossi. Sarà pure brava a cantare, ma non ha niente a che vedere con Mia Martini, ovviamente. Fanno un film su Mimì e fanno cantare le sue canzoni a un’altra? Almeno come sottofondo potevano lasciare le voci originali”, ha spiegato a Spy.

Infine la Bertè boccia l’atteggiamento di Claudio Baglioni: “Durante l’ultimo Sanremo non ha neanche consegnato il premio Mia Martini sul palco, l’ha fatto passare sotto silenzio: queste cose non si fanno. Quel premio è stato istituito proprio per dare risalto alla memoria di Mimì e chi conduce il Festival ha il dovere di parlarne”. In realtà, da sempre, il premio annunciato in onda viene poi consegnato in sala stampa, essendo stato assegnato dai giornalisti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Morgan torna in Rai. Giovedì 24 gennaio condurrà lo speciale “Freddie”, dedicato ai Queen. Poi arriverà The Voice

prev
Articolo Successivo

Lele Mora: “Sono stato ingenuo. Non ho denunciato perché se faccio un goccio di pipì fuori dal vaso è come se allagassi mezza Italia”

next