Charlotte Casiraghi e Dimitri Rassam si sono lasciati. Anzi no. Il gossip che ha travolto il principato di Monaco, diffuso inizialmente da una rivista spagnola e ripreso anche in Italia da Oggi, è stato smentito dallo stesso Palazzo Grimaldi.

Dopo i continui rumors sulla fine della sua relazione, la figlia di Carolina di Monaco ha dovuto rompere il silenzio stampa ricorrendo a un comunicato ufficiale, scrive l’edizione francese di Elle. Da mesi infatti, la neo-mamma, famosa per le sue ‘turbolente’ vicende amorose, era “tormentata dai tabloid” proprio per la sua ultima relazione, iniziata due anni fa. “Esasperare una situazione che non c’è – e non c’è mai stata – significa volerle dare un prezzo. Perché si sa che l’annuncio di una separazione è sempre una buona motivazione per comprare un giornale”, si legge nella nota.

Ma non solo. La famiglia nel documento dichiara anche guerra ai tabloid. “Dati i danni che il gossip in sé ha arrecato ai diretti interessati, come anche ai figli e alle persone a loro care, entrambi hanno deciso di rivolgersi al proprio avvocato per avviare procedimenti legali, se possibile anche sul piano penale”.

Al di là della diretta smentita di Charlotte, la coppia da tempo è sotto i riflettori. A insospettire i giornalisti, oltre all’altalenante vita sentimentale della figlia di Stefano Casiraghi e Carolina di Monaco – fidanzata prima con Alex Dellal, poi con Gad Elmaleh (dal quale 5 anni fa ha avuto il figlio Raphael), poi ancora con Lamberto Sanfelice – è soprattutto il matrimonio con Rassam. Le nozze, infatti, erano state fissate prima per la scorsa primavera, poi rinviate in inverno, dopo la nascita del secondogenito, poi nuovamente spostate.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sfera Ebbasta indagato a Pescara per istigazione all’uso di stupefacenti

prev
Articolo Successivo

Francesco Totti, l’attore James McAvoy “pronto” a interpretarlo in un biopic

next