Vacanze in spiagge caraibiche. Una visita alla Basilica della Sagrada Familia a Barcellona. Disteso a prendere il sole a bordo di un mega yatch. E ancora: auto di lusso, cene in ristoranti esclusivi in compagnia di ragazze bellisisme, acquisti in alcune delle località più esclusive del mondo, ostentazione di ricchezza. Lui si chiama Tony, ha 20 anni, fa il modello e il suo profilo Instagram mostra ai suoi 4mila followers una vita tra lussi e vacanze. Ama i liquori e le macchine sportive, alla guida delle quali si fa spesso immortalare. Ad una prima occhiata sembrerebbe uno dei tanti “rich kids“, ma Tony non è un ragazzo qualunque. Di cognome fa infatti Castro ed è il nipote di Fidel Castro. Figlio di Antonio, terzo dei cinque figli nati dal matrimonio del lider maximo con Delia Soto del Valle, che è un noto funzionario di baseball cubano e chirurgo ortopedico.

Alto, moro, i capelli un po’ lunghi, gli occhi verdi e lo sguardo penetrante, Tony è stato scelto da Karl Lagerfeld per la prima storica sfilata di Chanel all’Avana nel 2017. Così la sua carriera nel mondo della moda ha avuto uno slancio e, allo stesso tempo, la sua “bella vita”. Ma, pur essendo il suo profilo Instagram assolutamente privato, il quotidiano El Nuovo Herald ha ottenuto da un followers di Tony alcuni scatti che, una volta resi pubblici, hanno suscitato molte polemiche tra i cubani. A far discutere, non c’è solo il fatto che il suo stile di vita poco si addice con il regime di austerithy imposto dalla rivoluzione e dal regime comunista del Paese ma anche l’incognita di come il giovane faccia a mantenere quel tenore di vita. Non è chiaro infatti se tutti questi viaggi siano “di lavoro” e poi in molti si chiedono come faccia un ragazzo di appena 20 anni, seppur con una carriera da modello, a permettersi tutto questo lusso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nadia Toffa, la prima foto del 2019 durante una seduta di chemioterapia: “Diffidate dai cialtroni e affidatevi alla medicina ufficiale”

prev
Articolo Successivo

Lui va al primo appuntamento in metro e lei gli dà buca: “Mi ha mentito sull’età, a certi uomini serve una lezione”

next