Chi percorre spesso lunghe distanze in auto sa bene che i colpi di sonno sono una pericolosa insidia. Oltre alla proverbiale tazza di caffè, per scongiurarli ci si può affidare alla tecnologia, e in particolare agli occhiali Smart dell’azienda francese Ellcie Healthy.

Apparentemente sono comuni occhiali da vista con montature alla moda. Nascondono però 15 sensori capaci di collezionare dati fisici, fisiologici o ambientali, che vengono inviati allo smartphone tramite connessione Bluetooth. L’elaborazione mediante algoritmi di Intelligenza Artificiale consente di stabilire eventuali rischi per la salute e la sicurezza di chi li indossa.

Che cosa rilevano esattamente? Movimenti anche minimi della testa, battiti di ciglia e persino gli sbadigli. In caso il software stimi che chi indossa gli occhiali sta per addormentarsi, invia segnali d’allerta come delle luci a lato degli occhi e un suono ronzante.

Il tutto in una montatura che pesa meno di 30 grammi e che garantisce un’autonomia di un giorno.  Il prezzo è approssimativamente in linea con quello dei comuni occhiali da vista di fascia medio-alta: 249 euro, che salgono a 289 euro con il carica batterie. Si possono scegliere sia lenti neutre che graduate. Al momento questi occhiali tecnologici sono disponibili solo in Francia, ma il produttore li ha portati al Consumer Electronic Show in corso a Las Vegas con l’intenzione di espanderne la vendita in altri mercati.

L’idea è interessante soprattutto per chi per lavoro guida per molte ore ogni giorno e vuole scongiurare il rischio di cadere vittima di colpi di sonno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Apple l’ha fatta fuori dal vaso

prev
Articolo Successivo

Polaroid Originals One Step 2, la fotocamera a stampa “istantanea” per i nostalgici delle foto in stile anni ’80

next