Bendarsi gli occhi per sfuggire alle proprie paure che si manifestano nella realtà quotidiana con creature mostruose che assumono la forma di quello che più ci spaventa, per portarci alla follia. È così che fa Sandra Bullock in Bird Box, il film prodotto da Netflix e diretto dal premio Oscar Susanne Bier, che racconta la storia di una donna che cerca di difendere i suoi figli da uno scenario apocalittico. Nell’avvincente pellicola, è proprio la benda sugli occhi l’espediente che permette ai protagonisti di sfuggire ai mostri alieni che provano a distruggere l’umanità.

In soli sette giorni, Bird Box è diventato il prodotto originale Netflix più visto sulla piattaforma di streaming, con oltre 45 milioni di visualizzazioni e la sua popolarità è cresciuta anche grazie ai “meme” che hanno iniziato a circolare in Rete. Ma dal virtuale al reale il passo è breve e così negli Stati Uniti qualcuno ha pensato bene di iniziare ad andare in giro con gli occhi bendati.

Così, dai semplici fotomontaggi divertenti con Sandra Bullock bendata nelle situazioni più assurde è diventata virale la cosiddetta “Bird Box Challenge“: tutto è partito da tre amici che si sono ripresi mentre sono rimasti con la benda agli occhi per 24 ore, seguiti poi da numerose imitazioni, con persone che, bendate, si tagliavano i capelli, sollevavano pesi, correvano contro dei muri o addirittura guidavano dei motorini. In pochi giorni, su Instagram sono comparsi ventimila post con l’hashtag #birdboxchallenge, in cui diversi utenti iniziano a bendarsi gli occhi e tentare di fare le cose più incoscienti, dal mettersi al volante al far roteare un’ascia in giardino.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

#birdboxchallenge who tryin to catch that one-on-one smoke ?

Un post condiviso da Merlin G (@asap_merly) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

I had to be a good sport and participate too. #birdboxchallenge #onlyboredifyoureboring

Un post condiviso da Jessica Massey (@jessi_jane007) in data:

Tanto che Netflix è dovuta intervenire con un comunicato in cui invita la gente a non aderire alla sfida: “Non pensavamo che avremmo dovuto specificarlo ma, per favore, non fatevi del male con questa Bird Box Challenge“, si legge in un messaggio pubblicato sui social.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nadia Toffa, basta con le parrucche: “Al mio amore piaccio così”

prev
Articolo Successivo

Firenze secondo me, sul Nove l’evento televisivo con Matteo Renzi: “Non voglio riaprire discussioni sui referendum. Con quelli ho chiuso, ho già dato”

next