Ala sinistra/Seconda punta – Moise Kean (Juventus)

Se Simone Cristicchi nel 2005 ripeteva all’infinito di “voler cantare come Biagio Antonacci“, Moise Kean ripete da tempo – in perfetto stile musicale – di voler giocare come Mario Balotelli. Di certo le cose che accomunano entrambi i giocatori non mancano (come il precoce esordio in prima squadra), ma rimane comunque una profonda differenza. A partire dall’atteggiamento in campo. Il c.t. Mancini ha aperto il varco dei Millennials in Nazionale proprio con Kean e l’augurio che questo possa essere solo l’inizio di una lunga carriera in maglia azzurra. Il potenziale c’è e si vede.

L’alternativa: Christian Capone (Pescara/Atalanta)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Inter-Napoli, in un audio il racconto di un ultras: “C’era uno a terra morto, gli interisti ci hanno chiesto una tregua”

next