“Ho detto ai miei di fingersi interessati a Silvio Berlusconi e di registrare, l’ho detto a tutti i nostri deputati e senatori, avrete qualche scoop“. Così Luigi Di Maio risponde all'”operazione scoiattolo” che, secondo alcune indiscrezioni, il leader di Forza Italia avrebbe lanciato durante il brindisi di Natale con i suoi senatori: avvicinare gli scontenti e i delusi del Movimento 5 stelle e preparare il terreno quando il Governo gialloverde finirà la sua corsa. “Non è un Paese normalissimo quello in cui un capo politico come Berlusconi può dire che sta per comprare parlamentari, una cosa patetica“, commenta il vicepremier M5s ai microfoni di Circo Massimo su Radio Capital.

Berlusconi avrebbe lanciato la sua operazione dopo lo scontento per l’approvazione della spazza corrotti che lui, imputato per corruzione in atti giudiziari per il processo Ruby, prescritto dal reato di corruzione impropria nel processo sulla compravendita dei senatori, condannato in sede civile a risarcire De Benedetti per il caso del Lodo Mondadori, ha definito “una legge pericolosissima, mette ogni cittadino italiano nelle mani di qualunque pm”.

“Dopo aver approvato la legge anticorruzione adesso è la volta da gennaio della riforma costituzionale per tagliare 345 parlamentari“, rilancia invece Di Maio ospite da Massimo Giannini. “Io non vedo nubi all’orizzonte. Questa è una maggioranza che può andare avanti 5 anni, può arrivare a realizzare tutto il contratto di governo”, aggiunge il vicepremier M5s, rispondendo anche ai tentativi di Berlusconi di portare tutto il centrodestra al governo. La presenza a Circo Massimo è anche l’occasione per rivendicare la bontà della manovra: “Penso che sia una vittoria degli italiani: tutte le promesse sono state mantenute”, dice Di Maio che per questo dice che sul balcone di Palazzo Chigi “ci salerei anche domattina”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Manovra, l’imbarazzo di Pesco: “In commissione c’è ancora tanto lavoro. Che dobbiamo fare?”. Insorgono le opposizioni

next
Articolo Successivo

Anticorruzione, il ddl piace a due italiani su tre. Ma i penalisti: “Mattarella non lo firmi”. Csm si spacca sul parere critico

next