Dieci articoli pubblicati sulle riviste Science, Science Translational Medicine e Science Advances presentano il primo atlante delle cause genetiche dei più comuni disordini pischiatrici, come schizofrenia, disturbi bipolari e autismo. Dal completamento del Progetto genoma umano nel 2003 i ricercatori hanno scoperto alterazioni in centinaia di punti del Dna, associate a malattie psichiatriche. Ora un nuovo studio ha collegato molte di queste varianti genetiche al relativo effetto molecolare nel cervello, rivelando così nuovi meccanismi ‘chiave’ per alcune malattie. I ricercatori dell’University of California a Los Angeles, insieme ai colleghi di oltre una dozzina di centri in tutto il mondo, forniscono ora il più grande set di dati sui meccanismi molecolari del cervello, alla base di autismo e schizofrenia.

Una sorta di atlante, che fornisce una tabella di marcia per lo sviluppo di una nuova generazione di terapie mirate per le condizioni psichiatriche. “Questo lavoro fornisce numerosi tasselli mancanti necessari per comprendere i meccanismi delle malattie psichiatriche”, ha detto Daniel Geschwind, autore senior di due dei nuovi studi e professore di genetica umana all’Ucla.

Nel 2015 i ricercatori di 15 istituti di tutto il Paese, inclusa l’Ucla, si sono riuniti nel Consorzio PsychEncode per studiare in modo più dettagliato il Dna ‘chiave’ per il cervello. Lo studio PsychEncode ha analizzato non solo le varianti genetiche legate alle malattie psichiatriche, ma anche i modelli di Rna e proteine in 2.188 campioni di cervello di individui sani e con un disturbo psichiatrico.
In uno dei nuovi studi, Geschwind e colleghi descrivono questi nuovi dati, che aiutano a spiegare il ruolo di decine di migliaia di sezioni di Dna per il cervello. I dati rivelano anche quali geni sono più spesso espressi contemporaneamente, suggerendo nuovi processi e percorsi biologici. Il set di dati – essenzialmente un modello dettagliato del funzionamento molecolare interno del cervello umano – è ora disponibile come punto di partenza per altri ricercatori a caccia di potenziali bersagli farmacologici. “Avere dati affidabili in questo ambito fornisce una base per innumerevoli nuovi studi”, assicura Geschwind.

In un secondo articolo, Geschwind e altri collaboratori hanno usato questi nuovi dati per esaminare specificamente le alterazioni nel disturbo dello spettro autistico, nella schizofrenia e nel disturbo bipolare. Usando quasi 1.700 campioni di cervello, i ricercatori hanno rivelato le differenti espressioni genetiche di migliaia di molecole di Rna. Non solo, il team ha individuato anche nuovi geni ‘sotto accusa’: cinque legati al disturbo dello spettro autistico, 11 al disturbo bipolare e 56 alla schizofrenia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, sequestrato cantiere della ditta del sindaco di Mariglianella per presunte irregolarità edilizie

prev
Articolo Successivo

‘Il mio latte è poco nutriente’? I dubbi di molte mamme sono solo paure ingiustificate

next