“Ci trovavamo in spiaggia una notte di luna piena per riprendere un rituale. Io ero sdraiato in attesa del mio turno, quando mi sono sentito afferrare sotto le ascelle, e sollevare di peso da qualcuno che fisicamente non c’era. Subito dopo sono entrato in una sorta di trance, e ho sentito la testa che mi girava fortissimo”. Inizia così l’inquietante racconto che Daniele Bossari ha fatto in un’intervista a Mistero Magazine su uno strano episodio legato al mondo del paranormale accadutogli qualche anno fa a Bali. 

“Ho chiesto immediatamente di farmi consegnare il metal detector che stavamo usando per il servizio, e mi sono sentito guidare – ha aggiunto il conduttore-. Dopo dieci passi ho trovato una moneta antica con la raffigurazione del Mahabharata, la più famosa epopea indiana, con al centro il dio del vento. La cosa straordinaria è che attraverso la strumentazione con le cuffie ero stato guidato proprio dal vento che passava attraverso le mie orecchie, come se fosse un gps che mi indicava la strada. Per 15 giorni sono continuate a succedere cose bellissime, finché piano piano l’effetto è passato. Da allora non ho più avuto dubbi sull’esistenza di questi fenomeni“.

Non solo, questo non è stato l’unico episodio strano accadutogli sull’isola indonesiana, ma di sicuro è stato il più eclatante. “Un’altra volta, stavamo investigando su magia bianca e magia nera, e per caso siamo entrati in contatto con un Balian, come lo chiamano lì, ossia una persona con una serie di poteri che possono variare: dalla capacità di aggiustare le ossa a quella di mettersi in contatto con gli antenati. Da lì sono successe alcune coincidenze che mi hanno portato a vivere un’esperienza fortissima e indimenticabile”, ha raccontato ancora Bossari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Accademia di Brera, Romeo Gigli socio onorario: il riconoscimento allo stilista maestro di McQueen

prev
Articolo Successivo

Ilary Blasi: “Con Fabrizio Corona non c’è stato nessun accordo, non mi presto alle pagliacciate”

next