Un terremoto di magnitudo 7 ha colpito l’Alaska. La forte scosse a circa undici chilometri di distanza dalla città di Anchorage ad una profondità di 43 chilometri. Sei minuti dopo la prima scossa se ne è verificata una seconda di assestamento, di magnitudo 5.8 con un epicentro ad un solo chilometro di distanza da Anchorage. La città è la più grande dell’Alaska e conta 300mila abitanti. Le autorità hanno anche lanciato un allarme tsunami che riguarda l’area del Cook Inlet: l’allerta è rientrata dopo poche ore.

Sui social media hanno cominciato a comparire le immagini dei danni, che appaiono estesi. Una foto mostra una voragine in una strada con un’auto rimasta sospesa, un’altra gli scaffali crollati all’interno di un negozio e di un supermercato, un’altra ancora mostra danni al soffitto di una scuola superiore di Anchorage, mentre circolano le scene di panico e della gente in fuga durante la scossa.

L’istituto geologico americano (Uscs) ha riferito che la scossa si è verificata alle 8.30 ora locale, con un magnitudo di 6.6 o 6.7 gradi della scala Richter. Poi ha rivisto al rialzo la misurazione portandole a 7 gradi. A quanto riferisce l’emittente di Anchorage Wtuu, è stata diffusa un’allerta tsunami in cui si invita la popolazione ad allontanarsi dalla costa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gilet gialli, scontri con la polizia in centro a Bruxelles: auto in fiamme, 60 fermi. In 50 arrivano sotto sede Commissione Ue

next
Articolo Successivo

G20 Buenos Aires, tra tensioni su dazi e crisi Russia-Ucraina: Usa pronti a sfilarsi

next