Naike Rivelli non si è fatta sfuggire l’occasione di “bacchettare” Barbara D’Urso. Durante la scorsa puntata di Domenica Live, Barbarella indossava una lunga camicia/vestito con i quadri alla boscaiolo dallo spacco ultra vertiginoso che ha messo in mostra per qualche secondo le mutande. Per questo la figlia di Ornella Muti ha accusato la conduttrice di averlo fatto apposta e, su Instagram, le ha lanciato una frecciata: “Barbara D’Urso: Ogni cosa al suo posto. Non puoi giocare con gli spettatori così… Se vuoi fare del giornalismo serio, fallo, senza farci fare figure di m***“.

Poi Naike pubblica un suo scatto sexy e prosegue nella sua invettiva contro la D’Urso: “Perché criticare Giulia Salemi e poi il giorno del “no alla violenza femminile” sventolare le mutandine come una provocatrice di quarta? Ma perché? Ma cosa è? Dai Barbarella, ammettilo, non c’era tutto questo bisogno di sfoggiare la mutandine nera? Sei ovunque, fai tutto tu, lascia almeno un po’ di spazio alle aspiranti calippocratiche”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

It al depends on the context . Art is beauty. Naked Art makes sense.. ??‍♀️??‍♀️??‍♀️??‍♀️??‍♀️??‍♀️??‍♀️ BARBARA DURSO : OGNI COSA AL SUO POSTO. NON PUOI GIOCARE CON GLI SPETTATORI COSÌ.. SE VUOI FARE DEL GIORNALISMO SERIO- FALLO- SENZA FARCI FARE FIGURE DI MERDA. Perché criticare Giulia Salemi e poi il giorno del “NO ALLA VIOLENZA FEMMINILE” sventolare le mutandine come una provocatrice di quarta.. MA PERCHÉ?!?! Ma cosa è? Dai Barbarella… ammettilo… non c’era tutto questo bisogno di sfoggiare la mutandine nera…? Sei ovunque… Fai tutto… tu… lascia almeno un po’ di spazio alle Aspiranti Calippocratiche #Repost @modernbe_ ・・・ by @azraelrenee ♠ @ornellamuti @dagocafonal @maisonfrancescoscognamiglio @blueeyedfamily @striscialanotizia @paolaperego17 @gioresgrestelli @luciopresta @mara_venier @il_rammaricato

Un post condiviso da Naike Rivelli (@naikerivelli) in data:

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La Regina Elisabetta proibisce l’uso della parola “pregnant”: “volgare”

prev
Articolo Successivo

Ivan Cattaneo: “Ho scritto ‘scop**mo stasera’ ad Al Bano. Ma quel messaggio era per Albino”

next