Qualche giorno fa è diventato virale un video con Vittorio Sgarbi che si rotolava per terra in una stazione di servizio in compagnia di una sua collaboratrice. Il sito ViterboNews24 descriveva il sindaco di Sutri come “apparentemente ubriaco”, ipotesi smentita da Sgarbi che ha anche annunciato querela “essendo pressoché astemio, non avendo mai bevuto ed ebbro soltanto di libri”. La sua assistente si chiama Paola Joara Camarco, una ragazza di 22 anni che è praticamente diventata la sua ombra da circa tre anni e ora veste anche i panni di sua assistente parlamentare.

“Schiava di Sgarbi per affetto”, dice la ragazza torinese a La Zanzara: “Lui per esempio si toglie i calzini quando ha caldo ai piedi e io glieli rimetto. Non glieli tolgo, glieli metto, ma non puzzano mai. Non posso uscire la sera, e spesso dimentica come mi chiamo. Fa “Ohhh”, un ululato quando mi vuole chiamare e io capisco che è lui che vuole dirmi ‘Paola vieni qui’. E’ uno schiavismo, una dipendenza accettata. Faccio parte della famiglia. E’ come fosse una religione, sono un’adepta della religione il cui Dio è Sgarbi”.

Paola riceve ora uno stipendio come assistente parlamentare (“Ho lavorato più di Di Maio”, dice) e torna sulla discussa serata in autogrill raccontando la sua versione dei fatti: “Vittorio si è fermato perché dentro la stazione di servizio c’era una specie di biblioteca improvvisata, un mercatino di libri usati. E’ fatto così. Ha cominciato a sfogliare tutti i libri, uno per uno e dopo un’ora eravamo ancora lì. Il benzinaio ha fatto un video e poi è quello che avete visto. Siamo caduti e gli sono rotolata addosso.”

“E’ colpa mia, sono una pischella di 22 anni e abbiamo cominciato a scherzare. Non riusciva ad alzarsi perché peserà 90 chili. Tutto qui. Ubriaco? Ma quando mai, Vittorio è astemio e non ha mai toccato una droga in vita sua. Lo sanno tutti”, ha concluso la Camarco.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Topolino compie 90 anni, storia di un’icona pop nata da un fallimento (e che doveva chiamarsi Mortimer…)

prev
Articolo Successivo

Cristina Parodi lancia una “frecciatina” alle colleghe che usano troppa luce in studio: “Non voglio apparire come la Madonna! Si vedono le rughe e va bene così”

next