Faceva nascere bambini senza essere vaccinata. Per questo dopo numerose sollecitazioni un’ostetrica dell’ospedale di Macerata è stata licenziata. Tra i requisiti per poter lavorare nel reparto, infatti, c’è proprio quello dell’immunizzazione. Come riporta il Corriere Adriatico, qualche giorno fa il direttore dell’Area Vasta 3, Alessandro Maccioni, ha firmato la determina per il licenziamento per giusta causa e senza preavviso della professionista. Si tratterebbe del primo caso in Italia.

“Dispiace che sia andata a finire così, né io né i miei collaboratori siano contenti quando si firma un provvedimento del genere – ha commentato Maccioni all’Ansa – La storia andava avanti da mesi, più volte ci sono stati incontri e colloqui”. Il direttore ha poi spiegato che il foglio “doveva essere firmato un mese fa”, ma l’Asur ha deciso di aspettare altri 20 giorni. La professionista, infatti, è stata più volte invitata a vaccinarsi. Un’opera di convincimento inutile, viste le continue risposte negative della donna.

Il dottore ha citato anche una serie di norme nazionali e regionali che obbligano gli operatori sanitari di determinati reparti, tra cui Ostetrica e Ginecologia, a sottoporsi almeno a 10 tipologie di vaccini, gli stessi che interessano la fascia di età da 0 a 16 anni. “Siamo disposti a dare flessibilità sui tempi, ma l’obbligo va rispettato”, ha spiegato il direttore dell’Area Vasta. Intanto l’ostetrica si è rivolta ad un avvocato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, una donna si infila nella galleria della metro: ecco la causa dell’incidente che ha provocato 13 feriti. Il video

next
Articolo Successivo

Napoli, scontri tra polizia e centri sociali: 15enne ferito al volto. Le immagini della carica

next