Il Palazzo delle Esposizioni, dal 9 novembre 2018 al 6 gennaio 2019, ospita la mostra Roma fumettara. L’esposizione racconta i 25 anni di storia della Scuola romana dei fumetti, fondata nel 1993 da cinque diversi autori: Giancarlo Caracuzzo, Paolo Morales, Massimo Rotundo, Stefano Santarelli e Massimo Vincenti. Morales è uno dei disegnatori di Martin Mystère, Rotundo è fra le migliori matite di Tex. Tra i fumettisti esposti c’è anche Claudio “Greg” Gregori, della premiata coppia Lillo & Greg (i due sono anche i fondatori della band “Latte & i suoi derivati”). Il comico compare come autore di una serie di tavole, raccolte qualche anno fa integralmente in volume (I Sottotitolati, 2013), scritte in un coattese di una volgarità estrema e, a tratti, fastidiosa perfino per i palati più grossi e capienti.

Molte delle opere esposte celebrano fumettisticamente luoghi, monumenti e capolavori scultorei romani (dalla Bocca della Verità al Colosseo, dalla Lupa alla “Barcaccia”), senza trascurare di rendere omaggio ad attori, attrici, registi i cui film, girati o interpretati, non sono semplicemente ambientati nella capitale. Aldo Fabrizi, Anna Magnani o Federico Fellini sono riusciti a carpire a Roma un’infinità di tratti, a riprodurne vizi e virtù, a trasformarla in una moderna icona planetaria. Tra le fonti filmografiche più saccheggiate non poteva mancare il mito immortale di Vacanze romane, che ha ispirato le tavole di Giuseppe Di Maio (fig. 1), di Andrea Di Vito (fig. 2) e di Fabio “Hot Stuff” Redaelli (fig. 3).

Abbiamo visitato la mostra (andatela a vedere, merita) e abbiamo intervistato per l’occasione Santarelli, Rotundo e diversi altri fumettisti: Stefano Caselli, disegnatore Marvel. Genea, che oggi è una graphic designer ma ha esordito come scrittrice. Il camerunense Gaspard Njock, che si è cimentato fra le altre cose in una graphic novel sull’immigrazione irregolare (Un voyage sans retour, 2018). Arianna Rea, autrice Disney che ha realizzato i fumetti per la serie televisiva Violetta. E ora, visto che siete arrivati fin qui, godetevi il video.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, nasce a Cinecittà il cinema dell’Accademia Popolare dell’antimafia

next
Articolo Successivo

‘Moro. Il caso non è chiuso’, i soldi per il riscatto erano pronti nella villa di Castel Gandolfo

next