Picasso avrebbe apprezzato il mio outfit“. Forse, ma di certo non è stato gradito dal personale del Louvre che le hanno vietato l’ingresso. È quanto accaduto alla modella australiana Newsha Syeh che, su Instagram, ha raccontato la disavventura che le è capitata a Parigi per colpa del vestito che aveva scelto per visitare, o meglio, per farsi fotografare nel celebre museo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Picasso would have loved my outfit ✨

Un post condiviso da Newsha Syeh (@mewsha) in data:

“Ieri sono stata fermata alle porte del Louvre da una guardia a causa del mio outfit. Con orribili gesti e espressioni disgustate la guardia mi ha apostrofata e detto che dovevo coprirmi – racconta la modella in un post diventato subito virale-. Con uno sguardo pieno d’odio mi ha impedito di entrare. Il mio cuore si è spezzato, non pensavo che il Louvre applicasse queste arcaiche regole. Ma invece ho scoperto che non è mai esistito un codice di abbigliamento per entrare nel museo”, ha detto la 25enne.

Certo, non esiste un codice di abbigliamento scritto però è sempre valida l’antica regola del buon senso, soprattutto visto l’abito da “strega australiana a Parigi” come lei stessa l’ha definito, indossato dalla modella. Intervistata dal Daily Mail ha ribadito: “Se visitassi una chiesa sacra, capirei perfettamente e mi vestirei di conseguenza, ma in un luogo che ospita tanti ritratti e statue di donne nude trovo questa censura ridicola“.

In molti però, hanno dato ragione al museo, condannando senza mezzi termini il suo comportamento: “Sono felice che tu sia stata allontanata – scrive un fan tra i commenti su Instagram-. Mostra rispetto per te stessa e per i luoghi che visiti. Lascia la nudità parziale ai club e alla tua camera da letto”. Sulla stessa lunghezza d’onda un altro utente che sbotta: “Sicuramente l’outfit non era appropriato per il Louvre, si tratta di un posto elegante”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stan Lee morto a 95 anni: addio alla leggenda dei fumetti della Marvel Comics

next
Articolo Successivo

Chiara Ferragni: “Quando viaggio da sola mi manca Leo e piango se vedo altre mamme”. La risposta della giornalista Elena Guarnieri

next