Picasso avrebbe apprezzato il mio outfit“. Forse, ma di certo non è stato gradito dal personale del Louvre che le hanno vietato l’ingresso. È quanto accaduto alla modella australiana Newsha Syeh che, su Instagram, ha raccontato la disavventura che le è capitata a Parigi per colpa del vestito che aveva scelto per visitare, o meglio, per farsi fotografare nel celebre museo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Picasso would have loved my outfit ✨

Un post condiviso da Newsha Syeh (@mewsha) in data:

“Ieri sono stata fermata alle porte del Louvre da una guardia a causa del mio outfit. Con orribili gesti e espressioni disgustate la guardia mi ha apostrofata e detto che dovevo coprirmi – racconta la modella in un post diventato subito virale-. Con uno sguardo pieno d’odio mi ha impedito di entrare. Il mio cuore si è spezzato, non pensavo che il Louvre applicasse queste arcaiche regole. Ma invece ho scoperto che non è mai esistito un codice di abbigliamento per entrare nel museo”, ha detto la 25enne.

Certo, non esiste un codice di abbigliamento scritto però è sempre valida l’antica regola del buon senso, soprattutto visto l’abito da “strega australiana a Parigi” come lei stessa l’ha definito, indossato dalla modella. Intervistata dal Daily Mail ha ribadito: “Se visitassi una chiesa sacra, capirei perfettamente e mi vestirei di conseguenza, ma in un luogo che ospita tanti ritratti e statue di donne nude trovo questa censura ridicola“.

In molti però, hanno dato ragione al museo, condannando senza mezzi termini il suo comportamento: “Sono felice che tu sia stata allontanata – scrive un fan tra i commenti su Instagram-. Mostra rispetto per te stessa e per i luoghi che visiti. Lascia la nudità parziale ai club e alla tua camera da letto”. Sulla stessa lunghezza d’onda un altro utente che sbotta: “Sicuramente l’outfit non era appropriato per il Louvre, si tratta di un posto elegante”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stan Lee morto a 95 anni: addio alla leggenda dei fumetti della Marvel Comics

prev
Articolo Successivo

Chiara Ferragni: “Quando viaggio da sola mi manca Leo e piango se vedo altre mamme”. La risposta della giornalista Elena Guarnieri

next