Il mondo patinato del cinema, i numerosi vantaggi del ruolo di attore e così via. Non sempre, perché anche le star cinematografiche sono costrette a lunghi periodi di stress e nervi saldi. Ne sa qualcosa Robert Pattinson, l’attore che ha raggiunto il successo nel mondo per il ruolo di Edward Cullen in Twilight, che ha rischiato lo scontro fisico con Robert Eggers. Il regista di The Witch sta lavorando a una nuova pellicola, “The Lighthouse”, che vede tra i protagonisti proprio Pattinson e Willem Dafoe.

Una storia fantasy horror ambientata nel mondo dei miti legati al mare, una pellicola girata in bianco e nero in 35 mm e che si sviluppa nel Maine ai primi del 900. “Non sono mai arrivato così vicino a dare un pugno a un regista” ha dichiarato l’attore inglese classe 86 nel corso di un’intervista al sito Interview Magazine, per poi aggiungere alcuni dettagli: “Per quanto ami Robert Eggers, c’è stato un momento in cui mi ha fatto ripetere per cinque volte una scena in cui attraverso la spiaggia con le onde che mi vengono addosso e alla fine ho chiesto ‘Che accidenti succede? Mi sento come se mi stessero spruzzando del fuoco in faccia‘. E lui: ‘Ti sto spruzzando del fuoco in faccia.'”

“E’ stata una tortura, ma ha creato un’energia interessante sul set”, ha ammesso Pattinson. Anche Defoe, che nel film interpreta un anziano guardiano di un faro di nome Old, ha confermato le parole del collega di set ricordando la durezza delle “condizioni di lavoro che mi hanno portato quasi a non con parlare con Robert al di fuori delle scene”.

Una sorta di isolamento durante il lungo periodo delle riprese. Infine Pattinson ha elogiato Dafoe per il lavoro sul film: “Non ho mai visto nessuno con un quantitativo di energia così sovrannaturale come il tuo. Ricordo che ti guardavo e mi chiedevo: ‘Ma come ci riesce?’”. La star di Twilight può archiviare questa esperienza è infatti su un nuovo set con Johnny Depp, “Waiting for the Barbarians” adattamento del romanzo “Aspettando i Barbari.”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Franco Battiato riappare sui social, a pranzo con l’amico Luca Madonia dopo l’incidente domestico del 2017

prev
Articolo Successivo

Fabrizio Corona- Ilary Blasi, ecco cosa ha detto l’ex re dei paparazzi quando l’audio è stato abbassato

next