Più della metà degli italiani è preoccupata che i propri figli adolescenti (tra i 14 e i 19 anni) possano far uso di sostanze stupefacenti e essere coinvolti in incidenti stradali. A rivelarlo è l’indagine che l’Istituto Piepoli ha condotto su un campione di 1.518 adulti: a questa hanno risposto sia genitori che non genitori, tra i quali, in particolare, emerge la convinzione che l’uso di alcool e di droghe prima di mettersi alla guida derivi principalmente da una cattiva dinamica di gruppo (59%); pensiero condiviso, pure se in forma leggermente minore, anche dai genitori per il 47%.

A pesare in questo senso sarebbe anche la voglia di trasgredire e di divertirsi, secondo gli intervistati che non hanno figli, mentre per quanto riguarda l’altra categoria, la causa di tali comportamenti sarebbe da attribuire anche alla noia (28%).

Ma ciò che ultimamente pare destare più preoccupazione è la diffusione degli shop che vendono la cosiddetta “cannabis light”, ovvero quella con un principio attivo (THC) contenuto entro una soglia limite legale: secondo 6 intervistati su 10 questo contribuirebbe in misura rilevante alla propensione dei giovani all’assunzione degli stupefacenti.

Secondo i genitori, quindi, la prevenzione passa prima di tutto per il buon esempio da saper dare ai propri figli, mentre gli intervistati non genitori ritengono molto più importante stabilire un dialogo con i più giovani. Comunque sia, per entrambe le categorie, la figura che gioca un ruolo primario nella prevenzione a tali comportamenti è sicuramente il nucleo familiare, e poi anche la scuola, ma in forma diversa.

Ed è proprio dalla scuola che il Moige, il Movimento Genitori Italiani, vuole ripartire promuovendo la campagna di sensibilizzazione “Mano al volante, occhio alla guida”: il progetto coinvolgerà le scuole superiori di secondo grado di 10 regioni, puntando a raggiungere circa 8.000 ragazzi, oltre che docenti e genitori. Agli studenti verranno forniti kit didattici, materiale informativo e strumenti digitali, al fine di renderli sempre più consapevoli della rilevanza che l’uso e abuso di sostanze stupefacenti e di alcool possono avere sugli incidenti stradali.

Solo nel 2017 le Forze dell’Ordine hanno “contato” 174.933 incidenti mortali, con 246.750 persone ferite e 3.378 vittime. “Gli incidenti stradali sono ancora purtroppo la prima causa di morte per i giovani sotto i 30 anni” avverte Roberto Sgalla, Direttore Centrale per la Polizia Stradale, Ferroviaria, delle Comunicazioni e per i Reparti Speciali della Polizia di Stato: “Fondamentale è allora l’impegno congiunto diretto a diffondere ai ragazzi la cultura di una corretta mobilità, perché sono la generazione dei futuri automobilisti e i migliori portavoce del messaggio di legalità con il mondo degli adulti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Assicurazione furto-incendio, il prezzo lo fa la città. A Napoli costi triplicati

next
Articolo Successivo

Costo carburanti in aumento in Italia, e intanto il diesel perde terreno in Europa

next