Chi pensa alla guida autonoma, pensa a una vita semplificata, in cui è l’auto a preoccuparsi di tutto, dalla sterzata all’accelerazione, alla frenata e al rispetto dei segnali stradali.

Ma anche l’automazione dei veicoli ha il suo risvolto “impegnativo” e gestire un’auto di questo tipo, specie se in situazioni di emergenza, non è proprio facile. Così, per fugare ogni dubbio in merito e informare chi si troverà nelle condizioni di soccorrere un veicolo Waymo, la controllata di Google ha pensato di stilare un breve vademecum.

Dal semplice tamponamento all’incidente più grave, fino all’incendio, è importante innanzitutto sapere distinguere una Chrysler “speciale” da una a “guida umana”: questo non è detto che sia facile e che salti subito all’occhio, soprattutto a seguito di un incidente che può aver seriamente danneggiato il veicolo. Quindi, se logo e sensori esterni dovessero essere già irriconoscibili, si deve prestare attenzione alla presenza o meno di un codice identificativo posto in alto a destra sia del parabrezza che del lunotto posteriore.

Il riconoscimento, però, può essere agevolato anche dall’auto stessa che, grazie ai sensori che la circondano – se ancora funzionanti – è in grado di identificare un mezzo di soccorso o comunque delle forze dell’ordine, sbloccando automaticamente le portiere e permettendo l’uscita dall’abitacolo dei passeggeri.

Per trainare il mezzo incidentato o anche solamente bloccato, è necessario intanto disattivare la guida autonoma (che in caso di apertura degli airbag si disattiva da sola): per fare ciò, si può ricorrere al numero d’emergenza attivo h24, premendo il pulsante “Live Help”, posto sul tettuccio e seguendo le istruzioni dell’operatore. Una volta inserita la modalità manuale, l’auto può essere rimorchiata, ma facendo sempre attenzione a non danneggiare i sensori.

Infine, se dovesse presentarsi un pericolo di incendio, per i soccorritori è fondamentale sapere che la Chrysler di Google ha ben 3 batterie, diverse a seconda delle funzioni che permettono: quella posteriore indica dove è possibile tranciare i cavi per disabilitare la guida autonoma. La seconda batteria, quella da 12V, alimenta i sistemi di bordo e si trova nel vano posteriore. Poi la batteria ad alto voltaggio, che stando sotto il pavimento dell’auto, può essere “disinnescata” aprendo una botola che si trova proprio tra i sedili anteriori e quelli posteriori.

È chiaro che finora si tratta di problematiche che riguardano solo i cittadini americani, visto che la tecnologia di Waymo è destinata a diffondersi prima da quelle parti. Ma è sempre bene tenersi informati anche in quest’altra parte di mondo, così da arrivare pronti per quando sarà.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Emissioni CO2, negli ultimi dieci anni in Italia sono calate del 22 per cento

next