Quella del brand Victoria’s Secret è una sfilata attesissima, soprattutto perché per il brand di lingerie sfilano quelle che sono considerate le più belle modelle del mondo. Bellezza che, secondo una di loro, sarebbe malsana: la top model Bridget Malcolm ha infatti attaccato duramente il marchio dalle pagine del suo blog. “Questo momento dell’anno è interessante per me – ha scritto Bridget il 16 ottobre -. È il periodo in cui le modelle iniziano ad allenarsi duramente e mangiano sempre meno. Ripensando al mio tempo trascorso in quello show, sono sempre colpita da quanto stessi male. Mi ingannavo completamente credendo di essere sana, in forma e pensavo di promuovere una rappresentazione onesta della donna. Il fatto di essere stata premiata con un lavoro di alto profilo perché mi ero lasciata morire di fame in modo così drastico mi fa sentire ancora a disagio”. Parole dure, perché secondo la ragazza il brand spingerebbe le donne a credere che “la bellezza è essere sottopeso”. Bridget ha sfilato per Victoria’s Secret nel 2015 a New York e nel 2016 a Parigi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alberto Angela, l’Osservatore Romano ‘bacchetta’ il conduttore sulla Cappella Sistina

prev
Articolo Successivo

Striscia La Notizia chiede scusa a Fedez: “Vogliamo bene a Leone ma non ci dispiace che tu te la sia presa…”

next