Il 16 ottobre di cinque fa anni è morto Luigi Bernardi (1953-2013), scrittore, ma non solo. Sul mio blog, in questo post, lo definii “Lo Zeman dell’editoria”. Pensieri e parole di Luigi Bernardi si trovano, oltreché nei suoi libri, in rete; qui sul Fatto, per esempio, aveva questo blog.

A distanza di cinque anni l’Associazione culturale Lugi Bernardi annuncia che, martedì 16 ottobre, esce in libreria l’ultimo suo libro inedito L’intruso, pubblicato da DeA PlanetaQuesta è la scheda del libro.

L’associazione Luigi Berrnardi descrive così L’intruso:

“Nel momento in cui la malattia è entrata nella sua vita, portando una sentenza senza appello, Bernardi ha deciso di consegnarci un autoritratto privo di qualunque indulgenza o retorica, mostrandosi nudo di fronte allo specchio: semplicemente un uomo, con le sue grandezze e le sue miserie. L’intruso è il diario, lungo un anno, di qualcuno che ha molto amato le parole – ‘nel raccontare, non tutte le parole sono uguali’ – e non ha rinunciato a cercarle, a spremerne tutta la bellezza, persino quando la fine era vicina. È una lucida presa di coscienza che nella vita non si è pronti quasi a niente – ‘l’angolo delle sorprese è sempre pronto a riempirsi’ – e la scrittura può diventare la più profonda, eterna forma di condivisione”.

L’intruso verrà presentato martedì 16 ottobre, alle ore 18 presso Libreria Trame, via Goito 3/c, Bologna, con Marco Bernardi, Patrick Fogli, Otto Gabos, Stefano Izzo e Alberto Sebastiani e mercoledì 24 ottobre, alle ore 19 presso Verso Libri, corso di Porta Ticinese 40, Milano, con Marco Bernardi, Luca Crovi, Stefano Izzo e altri ospiti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Giulio Andreotti e l’omicidio Pecorelli: ne ‘Il Divo e il giornalista’ le mezze verità di un processo dimenticato

next