Un attore e musicista rock lui, una giornalista impegnata lei e un matrimonio segreto. L’amore al tempo della guerra in terra di Israele diventa un affare di Stato. O almeno era quello che speravano Tsachi Halevi, ebreo israeliano, e Lucy Aharish, araba israeliana. Due cuori e due confessioni religiose che non solo non sono passate inosservate, ma hanno già scatenato le prime reazioni politiche. Una è quella del ministro dell’interno, il religioso Aryeh Deri, che alla Radio Militare che il matrimonio tra i due “non è stata la cosa giusta da fare” e che “l’assimilazione sta consumando il popolo ebraico” incoraggiando lei a convertirsi all’ebraismo.

Anche il deputato del partito di destra Likud, Oren Hazan, ha criticato le nozze interconfessionali ed anche lui ha chiesto alla giornalista di convertirsi. Tutti interventi definiti da sinistra “razzisti” e che mostrano “l’imbarazzante faccia” del Likud. Un amore che fa rumore perché entrambi sono molto popolari: Halevi è una delle star della pluripremiata serie televisiva Fauda, Aharish, che per poco non è stata accusata di volere danneggiare lo Stato della Stella di Davide, è una anchorwoman molto apprezzata. Il matrimonio è stato celebrato ieri sera in una cerimonia laica a Tel Aviv. Ma il segreto è durato poco. E sulla coppia è calato anche l’anatema sui futuri figli e sul loro eventuale status.

Foto dal profilo Facebook di Lucy Aharish

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Federico Moccia: “Se un uomo decide di uccidere la moglie… la colpa è pari”. Melissa P. risponde: “Sul femminicidio sbagli”

next
Articolo Successivo

Crozza-Toninelli in balia dei lapsus tra doppi cuori e ponti verticali: “Oggi inauguro lo ski-lift da duomo a Cortina”

next