Diego Fusaro sposerà la fidanzata Aurora Pepa il prossimo anno, il matrimonio si svolgerà nelle Marche con il tradizionale rito religioso. Ad annunciarlo è proprio la ragazza nel corso di un’intervista al programma radiofonico La Zanzara dove si lascia andare a particolari sulla loro vita di coppia: “Lui studia dalla mattina alla sera. Io mi occupo dei lavori domestici. Non abbiamo mai fatto l’amore, sono vergine di fatto e di segno zodiacale.”

La Pepa ha poi raccontato la giornata tipo con il filosofo, classe 1983 noto per le sue posizioni sovraniste che esprime nei diversi talk show: “La nostra giornata tipo è questa: lui si sveglia, si mette a studiare, io cucino per lui, pulisco per lui, stiro le sue camicie”. I conduttori chiedono se sia sottomessa di fatto al suo uomo e lei conferma: “Si, esatto. E’ davvero così, davvero legge sempre Hegel. Il filosofo è abbastanza noioso, quindi gli piace fare sempre le stesse cose. Che ci volete fare?”.

La fidanzata di Fusaro non si tira indietro nemmeno quando l’argomento diventa ancora più intimo. Ai conduttori che chiedono se il filosofo sia solito masturbarsi, in assenza di rapporti sessuali, lei risponde: “Certo che no e non guarda film porno. Non impreca e non dice parolacce“. Una visione antica, un rapporto nato dopo un lungo e lento corteggiamento da parte del filosofo che si diverte a usare termini desueti.

“Diego mi ha conquistato perché mi ha sfinito, mi ha corteggiato per più di un anno. Quindi per sfinimento gli ho detto si. L’ho conosciuto in una intervista qualche anno fa, nel 2015. Siamo entrambi sovranisti. A casa nostra non si beve Coca Cola per esempio. Non si mangerà cous cous, né sushi, paella, solo roba rigorosamente italiana”, ha concluso la giovane Aurora.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nadia Toffa: “Ho subito più di un intervento. Dopo i primi cicli di chemio e radioterapia sembrava tutto finito. Ma a marzo il cancro è tornato”

prev
Articolo Successivo

Federico Moccia: “Se un uomo decide di uccidere la moglie… la colpa è pari”. Melissa P. risponde: “Sul femminicidio sbagli”

next