Un principio d’incendio si è sviluppato all’interno del Gran Teatro La Fenice, il più importante teatro lirico di Venezia. Due tecnici del teatro sono stati trasportati all’ospedale San Giovanni e Paolo dopo aver respirato il fumo. I due sono stati sottoposti a controlli di routine – a gola, occhi e naso – e dovrebbero essere dimessi in giornata.

Le fiamme e il fumo si sono sviluppati lunedì mattina in un locale tecnico dove sono installati i gruppi di continuità. “L’intervento dei vigili del fuoco è stato immediato e ora si valutano i danni, ma il teatro non ne risentirà”, ha assicurato il sovrintendente Fortunato Ortombina. Poi ha sottolineato: “È una stanza blindata dove solo i tecnici possono entrare. Neppure io sono autorizzato”.

Il teatro venne distrutto da un incendio doloso il 29 gennaio 1996. Solo nel 2003 è stato restituito alla cittadinanza, restaurato, con il motto “com’era, dov’era”. Un triste ricordo che, secondo il sovrintendente, è servito da insegnamento per bloccare all’istante le fiamme.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Venezia, incendio al teatro La Fenice: l’intervento dei vigili del fuoco con le autopompe lagunari. Due intossicati

prev
Articolo Successivo

Spari contro i migranti a Castelfranco Emilia. Da Nord a Sud è l’emergenza del colpire il diverso

next