Si chiama Beyond (Oltre) la nuova missione spaziale di Luca Parmitano, che tornerà in orbita a luglio 2019. L’ha annunciato l’Agenzia spaziale europea (Esa) presentando nome e logo della missione nel proprio centro italiano di Frascati. L’astronauta siciliano sarà anche il comandante della Stazione spaziale internazionale (Iss) nella seconda metà della missione, primo italiano e terzo europeo a ricoprire questo ruolo.  “Spero di ispirare anche i nostri leader, chi ci guida e governa, ad andare ‘Oltre’, a trovare sempre soluzioni utili per tutti i cittadini”, ha detto Parmitano a margine della presentazione.

Oltre al nostro connazionale, l’equipaggio sarà composto composto dall’astronauta Nasa Andrew Morgan e dal cosmonauta russo Alexander Skvortsov. L’annuncio è arrivato il giorno del 42esimo compleanno dell’astronauta, nato il 27 settembre 1976. Parmitano, tenente colonnello dell’Aeronautica Italiana, è diventato astronauta dell’Esa nel 2009. Nel 2013 è partito per la missione Volare dell’Agenzia Spaziale Italiana, trascorrendo 166 giorni in orbita, uscendo per due “passeggiate” nello spazio e assistendo all’attracco di ben quattro navette sulla Iss. “È un giorno importante, un giorno particolarmente felice” per la comunità spaziale italiana e europea, ha dichiarato il presidente dell’Agenzia spaziale italiana Roberto Battiston.

L’Esa ha voluto celebrare Parmitano donandogli una fotografia della sua Sicilia vista dallo spazio. “Il team di astronauti di Esa racchiude il vero spirito europeo“, ha detto il Direttore Generale di Esa, Johanne Dietrich Woenner, riferendosi alle diverse nazionalità degli astronauti che affrontano le missioni spaziali sotto la comune bandiera dell’agenzia europea. Tra loro, oltre a Luca Parmitano, anche l’italiana Samantha Cristoforetti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trapianto di faccia, nuovo intervento di ricostruzione temporanea: la paziente è “in condizioni discrete”

next
Articolo Successivo

Notte Europea dei Ricercatori 2018, dalla guida di un rover con lo smartphone alla discoteca delle molecole: tutti gli eventi

next