È morto Maurizio Zanfanti, detto Zanza, il “re dei vitelloni” romagnoli. Un malore fulminante, nella notte tra martedì e mercoledì, lo ha colpito mentre era in via Pradella dove il playboy possedeva un terreno agricolo. Era appartato con una ragazza di 23 anni dell’est per un rapporto sessuale quando si è sentito male: è stata proprio lei ad allertare i soccorsi. Ma all’arrivo dei medici del 118 non c’è stato niente da fare: arresto cardiocircolatorio. Il magistrato di turno, riporta Il Corriere di Romagna, ha comunque disposto un’ispezione sul corpo, trasportato all’obitorio cittadino. Noto per le sue conquiste amorose, Zanza aveva 63 anni.


La sua fama di latin lover è iniziata negli anni ’70, quando faceva il ‘buttadentro’ del famoso locale Blow Up. Un mix tra look particolare (pantaloni di pelle, stivaletti e gilet borchiati) e gentilezza che, come riporta RiminiToday, era la combinazione ideale per sedurre le migliaia di turiste che frequentavano la riviera: donne svedesi, francesi, inglesi, tedesche non hanno resistito al suo fascino. La sua fama è cresciuta talmente tanto che anche il giornale tedesco Bild  gli aveva dedicato un articolo. Zanza ormai considerava chiusa la sua carriera di amatore da diversi anni: “Quante donne ho sedotto? Considerato che ho lavorato 35 anni, potrebbero essere 6mila. Ma ormai quello che dovevo fare l’ho fatto”, così il suo congedo da ‘conquistatore’, riportato da Il Corriere di Romagna.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ricordate Corona che cade in bicicletta cantando “Viva la libertà”? Ora è un tatuaggio sulla schiena di Nina Moric

next
Articolo Successivo

Asia Argento: “Rain Dove è arrivata a darmi un’urna con delle false ceneri di Anthony Bourdain”

next