Grazie all’arrivo di iOS 12 sugli iPhone il popolare navigatore satellitare Waze è finalmente compatibile con CarPlay, il sistema per collegare un iPhone all’automobile e controllarne le funzioni direttamente dal touchscreen del veicolo.

Fino a poco tempo fa chi ha un iPhone poteva usare solo le mappe della stessa Apple, che non sono necessariamente il miglior navigatore possibile. Molte persone infatti preferiscono Waze, un’app che ha fatto dell’elemento “social” la propria colonna portante.

Chi usa Waze è infatti membro di una comunità numerosa in cui chiunque può segnalare in tempo reale incidenti o rallentamenti, in modo da dare agli altri l’opportunità di scegliere tempestivamente un percorso alternativo. Una bella comodità che il più delle volte consente di non rimanere bloccati nel traffico e che negli anni ha incentivato sempre più utenti a scegliere questa app come navigatore principale.

Waze App Chevrolet Silverado

Con iOS 12 finalmente anche chi usa un iPhone può usare Waze direttamente sullo schermo dell’auto; in effetti più che in nuovi iPhone sembra questa la vera rivoluzione portata da Apple nel 2018. Serve un telefono aggiornato che sia almeno un iPhone 5S, un’auto dotata di CarPlay, la versione aggiornata di Waze e un cavo lightning (superfluo in alcuni casi).

Per l’occasione – si fa per dire – anche Waze è stata aggiornata: tra le novità spicca la possibilità di usare la modalità notturna di giorno e viceversa, o di scegliere un’icona diversa a rappresentare la nostra auto sulla mappa.

Con Waze per CarPlay sarà anche possibile impostare i tragitti preferiti con un semplice tocco e organizzare in un’unica schermata i comandi più utili come quelli per scegliere gli itinerari alternativi o regolare il volume dell’audio. Grazie al visual reporting inoltre è più facile effettuare le segnalazioni, mentre le notifiche sia visive che acustiche ci consentiranno di restare aggiornati sulla situazione del traffico senza staccare le mani dal volante.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’Intelligenza Artificiale di Google prevede le alluvioni e ti avvisa in tempo

next
Articolo Successivo

Forza Horizon 4, il gioco di corse definitivo di Xbox e Playground Games

next