Si chiama WISA (Wireless Speaker and Audio Association) ed è un’associazione di produttori del settore audio che promette di affrontare e risolvere definitivamente il problema degli impianti senza fili in ambito home theatre. Da diversi anni si parla di altoparlanti wireless ed effettivamente sul mercato la scelta è ampia, ma la qualità non è ancora al massimo. Molti consumatori rilevano spesso problemi di interferenze o comunque un’esperienza finale non ancora all’altezza dei prodotti con cavo.

Con la diffusione crescente degli impianti 5.1 e superiori, ovvero sistemi di casse che consentono in casa di emulare l’audio dei cinema, il tema del wireless è diventato ancora più pressante. Ecco quindi la decisione della WISA di sviluppare uno standard e una certificazione che alzi l’asticella della qualità. E che consenta a ogni tipo di dispositivo – TV, computer, console, etc. – di supportare il wireless audio.

Il primo passo è stato quello di mettere a punto una tecnologia che rispondesse alle esigenze dei produttori e dei consumatori. Quindi in grado di veicolare un segnale audio che potesse poi essere rielaborato per fornire un ascolto adeguato. Si parla tecnicamente di trasmissioni a 24bit sulle frequenze 48kHz/96kHz, che semplicemente dovrebbero regalare una qualità due volte superiore a quella di un comune CD. Inoltre, pur mantenendo una corretta sincronizzazione dei flussi audio, è pienamente supportata la configurazione di casse fino a 7.1 – ovvero tre casse frontali, due laterali, due posteriori e un subwoofer per i bassi. Infine per quanto riguarda il ritardo tra la ricezione del segnale ed emissione sonora la tempistica è stata ridotta ai minimi termini. In pratica fa 10 volte meglio del comune Bluetooth, di cui si dispone normalmente su smartphone, Smart TV, soundbar, etc.

L’Associazione WISA vanta già come partner industriali LG, Microsoft Xbox, Bang & Olufsen, Harman Kardon, Sound United (Denon, Marantz, Polk), Eastech, JBL, Klipsh, axiim, Pioneer, Almando, Primare, GoldenEar, Electrocompaniet e molti altri. Non è un caso quindi che siano già presenti sul mercato altoparlanti, impianti home theatre e media center compatibili. Inoltre, recentemente è stata presentato anche un trasmettitore USB (con wireless a 5.2-5.8 GHz) che consente di far dialogare qualsiasi prodotto con altoparlanti wireless certificati. Sarà disponibile però sul mercato solo alla fine dell’anno.

Infine, bisogna sottolineare che gli specialisti WISA hanno puntato molto sulla facilità di impiego e auto-configurazione dei dispositivi. Per attivare i sistemi tutto sarà pressoché immediato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Successivo

Deezer usa l’Intelligenza Artificiale per capire le emozioni dentro la musica

next