E’ il 2009 quando Chiara Ferragni e il fidanzato Riccardo Pozzoli fondano “The Blonde Salade”, il blog di moda che in pochi anni diventa un successo internazionale. L’amore tra i due finisce nel 2013 ma non la collaborazione professionale che prosegue negli anni. Novità delle ultime ore però in casa Ferragni annunciano anche, dopo il matrimonio con Fedez, la rottura professionale con Pozzoli. Il manager sarebbe uscito sia dal Consiglio di Amministrazione della Tbs Crew, vale a dire l’azienda che gestisce il blog, sia dalla compagine societaria.

Cosa ci sia dietro questa separazione è per ora un mistero. Al posto di Pozzoli subentra in azienda Pasquale Morgese, imprenditore pugliese con cui la fashion blogger è già legata da affari per la sua linea dedicata alle scarpe. Il clima però sarebbe tesissimo tra i due nuovi soci. Si è trasformata in un ring l’assemblea convocata da Tbs Crew per la nomina di un consigliere, con Morgese e la delegata della Ferragni che hanno “combattuto” sulla titolarità della designazione, a spuntarla la fashion blogger che ha nominato Fabio D’Amato.

Morgese ha liquidato con 750 mila euro Pozzoli ed è ora titolare con Esuriens del 45% della Tbs Crew mentre il 55% è detenuto dalla moglie di Fedez. Il caso nomina si risolverà presto o creerà conseguenze sul piano industriale? La Ferragni non ha commentato il caso. Con Morgese è anche socia in un’altra srl, la Serendipity, che si occupa di scarpe e accessori con un ricavo nel 2017 di 1,7 milioni di euro con utile netto di 273 mila euro distribuito tra i soci.

La fashion blogger e imprenditrice solo su Instagram ha quindici milioni di follower e il marchio Chiara Ferragni avrebbe un valore stimato di 36,2 milioni di euro. Cifra stabilità lo scorso aprile da una perizia redatta dal commercialista milanese Maurizio Dattilo, incaricato da Paolo Barletta, socio e finanziatore della blogger.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sara Tommasi, dopo il periodo buio arriva il matrimonio: “sposo Angelo perché è un uomo serio”

prev
Articolo Successivo

Lory Del Santo a Verissimo: “Mio figlio Loren si è tolto la vita. Parlo per ritrovare la forza, per essere forte”

next