“Come può sopravvivere la democrazia in un’epoca in cui c’è assoluto bisogno di conciliare la partecipazione diretta e immediata dei cittadini alla vita politica con la necessità di preservare le regole inviolabili del confronto democratico?”. Intorno a questa domanda graviteranno i dibattiti di Lezioni di democrazia, tre giorni di incontri, interviste, presentazioni di libri, letture di grandi classici e approfondimenti presso il Teatro Libreria Caffeina a Viterbo. Dal 21 al 23 settembre tanti ospiti tra professori universitari e giornalisti sono stati invitati dal direttore artistico di Caffeina Filippo Rossi a dire la propria sul rapporto tra democrazia, popolo e potere. Tutti gli eventi in programma saranno ad ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Enrico Mentana, Stefano Feltri, Piergiorgio Odifreddi, Massimo Bordin, Alessandro Gilioli, Giovanni Orsina, Edoardo Novelli, Luigi di Gregorio, Francesca Scopelliti, Sergio Talamo e Vittorio Pezzuto sono alcuni dei protagonisti dell’iniziativa. Si confronteranno su diversi temi di attualità, discutendo anche quali siano gli strumenti di controllo più adatti per garantire il confronto democratico. Durante la tre giorni si dibatterà anche su come i social media sono entrati nella vita pubblica – ad esempio durante le campagne elettorali – e su quali siano vantaggi e svantaggi di questo nuovo modo di comunicare.

“Il nostro obiettivo è quello di rendere Lezioni di Democrazia un appuntamento fisso a Viterbo – spiega il direttore artistico di Caffeina Filippo Rossi -, un momento per favorire la libera circolazione delle idee, principio cardine di ogni esercizio democratico”. Specialmente in questo periodo “l’attenzione sul tema è massima e quindi vogliamo approfondirli per arrivare a capire se la democrazia sia o meno in crisi – conclude Rossi -. Un argomento più che mai attuale anche alla luce della condanna del Parlamento europeo all’Ungheria di Orbàn”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Runners’, BAT Edizioni riparte dalla periferia milanese

prev
Articolo Successivo

‘Ritualità del silenzio’, come affrontare il timore del futuro

next