/ di

Lorenzo Mazzoni Lorenzo Mazzoni

Lorenzo Mazzoni

Scrittore

Sono nato a Ferrara nel 1974. Ho abitato a Londra, Istanbul, Parigi, Sana’a, Hurghada e ha soggiornato per lunghi periodi in Marocco, Vietnam e Laos. Scrittore, saggista e reporter ho pubblicato numerosi romanzi, fra cui Il requiem di Valle Secca (Tracce, 2006; finalista al Premio Rhegium Julii), Le bestie/Kinshasa Serenade (Momentum Edizioni, 2011), Apologia di uomini inutili (Edizioni La Gru, 2013). Sono il creatore dell’ispettore Pietro Malatesta, protagonista dei noir (illustrati da Andrea Amaducci ed editi da Koi Press) Malatesta. Indagini di uno sbirro anarchico (2011), La Tremarella (2012), Termodistruzione di un koala (2013), Italiani brutta gente (2014), Il giorno in cui la Spal vinceva a Renate (2015). Diversi miei reportage e racconti sono apparsi su il manifesto, Il Reportage, East Journal, Scoprire Istanbul, Reporter e Torno Giovedì. Sono docente di scrittura narrativa di Corsi Corsari. Il mio ultimo romanzo, Quando le chitarre facevano l’amore (2015; Premio Liberi di Scrivere Award), è stato pubblicato da Edizioni Spartaco. Nel 2015, insieme al fotografo Tommy Graziani, ho fondato IbnBattuta.viaggi, un contenitore culturale di esperienze umane che promuove workshop di scrittura, reportage e fotografia in giro per il mondo.

Blog di Lorenzo Mazzoni

Cultura - 24 Gennaio 2019

Wildworld, la società contemporanea in lettere

Wildworld, serie antologica di Transeuropa Edizioni, è un laboratorio itinerante alla ricerca di autori e temi inediti, un nuovo genere letterario che prende spunto da fatti di cronaca e miscela realtà e finzione per creare un affresco incisivo sulle derive della società contemporanea. Tutti i romanzi vengono realizzati col crowfunding, la forma di finanziamento trasversale […]
Cultura - 16 Gennaio 2019

John D. MacDonald e l’eterna insicurezza dell’animo umano

Dopo che venne pubblicato il resoconto dettagliato di ciò che era successo, centinaia di persone presero a modificare il loro racconto, un pezzetto per volta, finché alla fine non furono in grado di convincere gli altri, e se stessi, che avevano assistito all’intera scena, che avevano corso un grave pericolo, che si erano tenuti pronti […]
Cultura - 9 Gennaio 2019

Rote Armee Fraktion, anatomia di una rivolta

“Se non costruiamo la Rote Armee ogni conflitto si spegne (…) Se non costruiamo la Rote Armee quei maiali possono continuare a fare tutto quello che vogliono (…) Inasprire i conflitti vuol dire che loro non possono più fare quello che vogliono, ma sono costretti a fare quello che vogliamo noi. Non statevene seduti sul […]
Cultura - 27 Dicembre 2018

‘La fine di Wettermark’ di Elliott Chaze. Quando l’uomo qualunque tenta la rivalsa

“Il sabato notte non fu un bel niente mentre la domenica fu una vera bastarda. Un vuoto assoluto blu e fresco, l’aria pesante come un panno bagnato. Alle undici gli telefonò la madre dicendogli che pensava fossero andati in chiesa. Lui rispose che se fossero andati in chiesa come diavolo poteva immaginarsi di parlare con […]
Cultura - 20 Dicembre 2018

John Steinbeck, a 50 anni dalla morte la sua attualità è spiazzante

“Non credevo molto a ciò che avevo letto dell’Estremo Oriente. Le cose io le conosco sempre vedendo, ascoltando, annusando, toccando. Non guarirò mai da questa curiosità esagitata. Mi sento ancora come quando da bambino andavo da Salinas a San Francisco, addirittura a cento miglia di distanza”. Così parlò John Steinbeck al rientro dal Vietnam, dove […]
Cultura - 15 Dicembre 2018

Chuck Klosterman, morire per far sopravvivere il rock

“I Led Zeppelin sembrano quelli che sono, ma anche quelli che non sono. Sembrano una blues band inglese. Sembrano un branchiosauro a sangue caldo. Sembrano Annibale all’assalto delle Alpi. Sembrano sexy e sessisti e senza sesso. Sembrano cupi e strafatti; sembrano intelligenti ma cretini: sembrano più vecchi di te, ma di poco. I Led Zeppelin […]
Cultura - 10 Dicembre 2018

Babbitt, l’inarrivabile contemporaneità di Sinclair Lewis

Babbitt, di Sinclair Lewis (traduzione di Livio Crescenzi; Mattioli 1885), fu pubblicato per la prima volta nel 1922, lo stesso anno dell’uscita dell’Ulisse di James Joyce. Narra la storia di un agente immobiliare della borghesissima cittadina immaginaria del Midwest, Zenith, ossessionato dalla propria posizione nella società, suggestionabile elettore repubblicano, presbiteriano per comodo, tronfio delle proprie […]
Cultura - 28 Novembre 2018

Miljenko Jergović e Predrag Finci, parole e sogni nella Bosnia di oggi e di ieri

“Le persone che vedeva dalla finestra si preoccupavano, lo sapeva, e temevano che qualcosa potesse improvvisamente far loro del male, di morire, allo stesso modo repentino, nel sonno o di cadere da cavallo e rompersi il collo, o che il treno sul quale viaggiavano uscisse dalle rotaie e cadesse in un burrone, o di affogare […]
Cultura - 20 Novembre 2018

Geoff Dyer e Filippo Landini, tra noia e cattivi. Sperimentazioni dentro a una stanza

“Presto la gente non sarà più in grado di vedere film come Lo sguardo di Ulisse di Theo Angelopoulos o di leggere Henry James perché non riuscirà a concentrarsi quanto basta per passare da una scena o una frase interminabile alla scena o frase successiva. Il momento in cui forse sarei stato in grado di […]
Cultura - 11 Novembre 2018

La sudicia bellezza del Kentucky letterario: James Still e Chris Offutt

“La miniera di Collingsworth caricò il suo primo vagone di carbone la terza settimana di giugno. La voce risalì lungo il fiume, diffondendosi in tutte le anse del torrente (…) Una mattina, alle tre, suonò la sirena a vapore della Hamlin. Il fragore degli esplosivi fatti brillare fece tremare Boone’s Fork, attraverso He Creek e […]
Dal re degli amari del Fernet Branca al clown del Bitter Campari: le réclames di Leonetto Cappiello rivivono in una mostra a Livorno

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×