Sembra proprio il classico arrosto al forno. Sul tagliere pronto per essere affettato, ben abbrustolito fuori, tenero e succulento, un po’ al sangue, dentro. Con tanto di foglie di rosmarino sopra. A vedere come si affetta facilmente fa venire l’acquolina in bocca. Un nuovo prelibato taglio di carne? Nient’affatto. È anguria affumicata. O meglio, il prosciutto di anguria affumicata di Duck’s Eatery, un ristorante nell’East Village di New York. Questo curioso cibo è l’ultima invenzione dello chef Will Horowitz e ha letteralmente conquistato la Grande Mela. Sia nel suo aspetto esteriore che quando viene affettato infatti, lo “smoked watermelon ham” assomiglia incredibilmente alla carne tanto che il video mentre viene affettato è diventato virale sul web, con più di 100 milioni di visualizzazioni in pochi giorni. Roba da mettere in crisi carnivori e vegetariani.

Per assaggiarlo ci vogliono 75 dollari e tanta pazienza: il prosciutto d’anguria infatti è già tutto esaurito fino a novembre. Le prenotazioni al ristorante specializzato in prodotti affumicati sono schizzate alle stelle dopo che i video del “prosciutto di anguria affumicata” sono diventati virali sui social: “Riceviamo una richiesta ogni due minuti“, ha raccontato lo chef Horowitz. “Ho dovuto impostare una risposta automatica sulla nostra e-mail”. Il motivo? La lunga preparazione del cocomero. Cucinarlo richiede infatti un processo molto lento: ci vogliono da 4 a 6 giorni per farlo asciugare e circa 8 ore per affumicarlo, prima che sia possibile rifinirlo in una padella.

Poi, lo spazio del ristorante è poco e Horowitz dice che non riesce a produrne più di due alla volta: anche per questo ha dovuto bloccare le prenotazioni. Per lui è stato un successo davvero inaspettato: l’intento iniziale di Horowitz non era quello di ottenere grandi profitti grazie alla stranezza del piatto, quanto quello di sperimentare e proporre alternative “naturali” alla carne. “Vogliamo venderlo e continueremo a farlo”, ha dichiarato l’ideatore. “Ma di sicuro non apriremo un fottuto chiosco di angurie affumicate, questo sicuramente no”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Beppe Rinaldi morto, lutto nel mondo del vino: addio a “Citrico”, uno dei produttori di Barolo più amati

prev
Articolo Successivo

Abruzzo, il mio viaggio tra lettere d’amore e librerie

next