Bagarre a L’aria che tira estate (La7) tra l’europarlamentare Alessandra Mussolini, ex Forza Italia, e il deputato Pd, Andrea Romano. Mussolini esprime il suo totale dissenso rispetto alla decisione del Tribunale del Riesame di Genova sulla vicenda dei fondi della Lega e attacca duramente la magistratura: “Questo è tentare di distruggere in tutti i modi un partito che ha consenso democratico, come è già successo con Berlusconi e Forza Italia. E’ una cosa grave. Non arrivo a dire che è un mezzo colpo di Stato, ma è sicuramente un colpo al governo da parte della magistratura, come accade sempre all’inizio di un governo. La Procura andasse a Rocca di Papa a vedere doove sono spariti i migranti, su cui dovevano vigilare il Papa e la Caritas“. Plauso dal giornalista di Libero, Roberto Poletti: “Meglio che la Lega prenda gente come Alessandra Mussolini al Sud: è bella, limpida e trasparente“. “Sono commosso ed emozionato”, commenta Romano. “Tu sei commosso ed emozionato” – ribatte Mussolini – “perché ne avete fatte talmente tante con le banche che è meglio che taci”. Il deputato dem punzecchia l’europarlamentare sul termine “souplesse” e la polemica tra i due deflagra. “L’onorevole Mussolini pensa che, se uno ha consenso, non deve rispettare le leggi”, commenta Romano. “Ma pensa alle banche e ai risparmiatori” – controbatte Mussolini, che imita l’ex ministra del governo Renzi- “con la Boschi bella, bionda, con lunghi capelli. Poi sono spariti i soldi dei risparmiatori e non s’è capito niente”. “Se poi vogliamo fare spettacolo, facciamo spettacolo”, replica Romano. “Spettacolo? I risparmiatori stanno ancora avvelenati” – continua l’europarlamentare – “L’avete candidata a Bolzano, se no qua le facevano un c… così”. Romano protesta: “Io vorrei finire, se no vado via”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ponte Morandi, Toninelli: “Pressioni? Furono di Aiscat. Diffidò a pubblicare concessioni”. Battibecco con Parenzo

prev
Articolo Successivo

Poletti (Libero) vs Magnani (La7): “Tutti contro Salvini. Con Renzi facevate così?”. “Sì, raccogliamo ogni posizione”

next