Da tempo la top model Bianca Balti si è trasferita negli Stati Uniti ma non ha mai dimenticato le sue radici lodigiane. Così, appena ha saputo che il Comune di Lodi vuole abbattere 107 piante ad alto fusto nell’ambito di un progetto di riqualificazione del parco dell’Isola Carolina, è subito scesa in campo per evitare il taglio degli alberi. Se il comitato civico per la difesa degli alberi del parco dell’Isola Carolina aveva bisogno di un testimonial, lo ha trovato in una delle top model più famose al mondo.

Bianca Balti ha postato su Instagram una sua foto nel parco di quando era bambina (che ricorda molto un quadro impressionista) e ha lanciato un appello: “”103 piante ad alto fusto (oltre ai 30 metri) nel parco dell’Isola Carolina di Lodi, verrebbero tagliate per fare spazio ad un progetto di riqualificazione dell’area. Quando mi è giunta la notizia ho pensato a tutte le memorie della mia infanzia/adolescenza nel parco e specialmente a questa foto di me con uno di quegli alberi bellissimi che verrebbero tagliati. Mi sono chiesta come si possa, nel 2018, parlare di riqualificazione di qualsiasi area senza includere piante, ancor di più se le piante sono già presenti. In un’area come Lodi dove ahimè c’è un alto tasso di tumori e l’aria è fortemente inquinata, bisognerebbe piantare e non tagliare.. non si tratta di politica ma di buon senso!”.

L’intervento è stato accolto con grande soddisfazione da tutti coloro che si sono schierati contro il progetto del Comune che porta la firma dell’architetto Marco Bay e in poco tempo, la petizione lanciata dal gruppo Facebook tramite Antonella Rossi ha superato quota 3500 firme.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emma Marrone, la felicità è un panino in spiaggia: ecco la foto-parodia diventata virale

next
Articolo Successivo

Aretha Franklin non ha lasciato un testamento: gli eredi già si preparano alla battaglia legale

next