Mary Poppins, Halloween, Animali fantastici, e il ritorno di grandi star come Russell Crowe, Jim Carrey, Tom Hardy. Il cartellone cinematografico delle uscite in sala da qui al prossimo Natale presenta grandi nomi di richiamo ma anche grandi incognite nei risultati.

Settembre 2018 – Già bello pieno il mese di settembre (previsti ad oggi 41 film in sala) che inizia con l’uscita il giorno 6 del prequel/sequel di Mamma mia (Ci Risiamo!). Il musical in riva al mare greco di Kolokairi (che poi hanno girato in Croazia) con protagonisti Amanda Seyfried, Pierce Brosnan, Meryl Streep, Colin Firth, propone un cambio in cabina di regia (Ol Parker) e aggiunge un po’ di Cher tra canti e balli. Chi l’ha già visto non ne ha parlato granché bene. Sempre il 6 arriva in Italia Dark Crimes (film del 2016) che vede protagonista un Jim Carrey barbuto e serio nei panni di un detective al centro di un noir ambientato in Polonia. Il 13 è il turno della Palma d’Oro a Cannes 2018, Un affare di famiglia, diretto dal giapponese Kore’eda Hirokazu. Il 19 tocca invece al sequel molto atteso e già ampiamente promosso da molta critica del franchise Disney, Gli Incredibili 2. Mentre il 20 sarà il turno del ritorno di John Travolta, interprete di Gotti – Il primo padrino; e di Museo, un film da cui ci attendiamo molto, interpretato da Gael Garcia Bernal e diretto dal messicano Alonso Ruizpalacios. Storia di due studenti universitari che nel 1986 rubano dal Museo Nazionale di Antropologia di Città del Messico alcune preziose opere maya, mixteche e zapoteche, in particolare la maschera funeraria del re Palal. Il 27 settembre usciranno invece due vecchi nobili conoscenze del cinema mondiale, cadute ahinoi un tantino in disgrazia: Spike Lee con Blackkklansman e il redivivo Park Chan-Wook con Mademoiselle.

Da Mary Poppins al ritorno di John Travolta nei panni del padrino: i film che arriveranno in sala

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Inception, Michael Caine svela un retroscena inedito sulla scena finale: ecco il particolare che risolve il mistero

prev
Articolo Successivo

Danny Boyle non sarà il regista del nuovo James Bond: lascia per “divergenze creative”

next