Dopo esser stati a lungo sotto i riflettori non è facile tornare alla normalità ma per Filippo Nardi, concorrente della seconda edizione del Grande Fratello, tornato alla ribalta quest’anno sull’Isola dei Famosi, non è stata quella la causa di un malessere profondo con cui ha dovuto fare i conti.”Ero stato catapultato in un mondo che non era il mio, ma la depressione mi è venuta due o tre anni fa e non per astinenza da video, ma perché non potevo pagare l’affitto e mantenere mio figlio. Era frustrazione ma non per il Gf, anzi lo rifarei”.

In un’intervista al settimanale Chi, Nardi ha rivelato di aver attraversato un momento molto difficile: la separazione dalla madre di suo figlio Zack e poi anche la crisi economica. “È successo intorno al 2008 – ha spiegato – quando c’è stato il crollo degli immobili e il lavoro ha iniziato a scarseggiare. Avevo investito tutti i soldi in un appartamento a Milano e ho dovuto venderlo perché si era svalutato. Così sono andato a vivere in Romagna per guardare il mare e fare i conti con me stesso. Ma, quando ho capito che Zack aveva bisogno di me, mi sono trasferito vicino a lui, poco fuori Firenze”.

E ha fatto di tutto per stare vicino al figlio: “Ho venduto le cose più care che avessi e ho spiegato a mio figlio il valore del denaro. Ma ho cercato di non fargli mancare le cose che per noi erano importanti. Andavamo tutte le settimane al cinema a vedere i film appena usciti. Per portarlo alla prima di Star Wars rinunciai a fare la spesa, non mangiai per giorni”. Poi l’Isola che per lui è stata un’esperienza positiva: “mi è servita perché volevo rimettermi in gioco e lasciare dei bagagli emotivi. Ho trovato il coraggio di guardare in faccia alcuni errori, come la fine della storia più importante della mia vita e di chiedere scusa a mio figlio per le mie mancanze”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Asia Argento, Nyt: “Ha risarcito con 380mila dollari giovane che l’accusava di molestie subite quando aveva 17 anni”

next
Articolo Successivo

Caterina Balivo: “Non sapete cosa mi è successo ieri notte”. Lo strano messaggio su Instagram spaventa i fan

next