Bob Rice e la sua famiglia non vedevano l’ora di andare al concerto di Shawn Mendes, il cantante canadese classe 1998, idolo delle teenager (e non solo). Così, di prima mattina sono partiti dall’Ohio per arrivare a Pittsburgh, in Pennsylvenia. Una volta arrivati lì però l’amara scoperta: il concerto era sì il 6 agosto. Ma del 2019. “Abbiamo preso i biglietti per il concerto di Shawn Mendes il 6 agosto — ha raccontato il signor Rice su Twitter —. Quando siamo arrivati, però, abbiamo realizzato che era nel 2019. E non siamo stati i soli! Torneremo l’anno prossimo“.


Ma anche altri fan infatti si sono presentati ai cancelli con 365 giorni d’anticipo: “Shawn apprezzo che tu venda i biglietti per il tour del 2019 così presto, ma io e i miei amici abbiamo guidato 6 ore per arrivare alla PPG Paints Arena di Pittsburgh per vedere il tuo concerto… con un anno di anticipo”, ha ironizzato Lex sui social. Mentre Maryssa e la sua amica Stephanie hanno scritto: “Eravamo così emozionate per il tuo concerto a Pittsburgh, che siamo arrivate con un’ora e un anno di anticipo“. E aggiunto una serie di hashtag ironici come “#nonèunoscherzo, #annodianticipo”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Jimmy Il Fenomeno, stamani i funerali a Milano: “Pochissima gente, nessun collega, dimenticato come in tutti questi anni”

prev
Articolo Successivo

Marco Carta parla dopo l’intervento: “Ho temuto di non risvegliarmi. Ci stavo lasciando le penne”

next