Circa 900 persone, tra turisti indonesiani e stranieri, stanno cercando di lasciare le isole di Gili, dopo che un terremoto di magnitudo 7.0 ha colpito l’Indonesia, provocando almeno 142 morti e centinaia di feriti. Roberto Cinardi, che è sull’isola di Trawangan, ha pubblicato sul proprio profilo Facebook una serie di video in cui si vede un traghetto, venuto per portare via le persone bloccate lì, letteralmente preso d’assalto da turisti e abitanti del posto. “Da ieri sera siamo bloccati su Gili Trawangan. Il villaggio è crollato quasi interamente, abbiamo passato la notte su una collina per il rischio tsunami e dall’alba aspettiamo i soccorsi indonesiani. Ci sono stati morti e feriti e il cibo è finito. Non c’è nessuna autorità che sappia gestire la situazione di emergenza e non ci sono navi e mezzi sufficienti all’evacuazione. le uniche imbarcazioni che arrivano sono teatro di scene disumane con turisti in preda al panico”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siria, ad Afrin la Turchia lascia fare il lavoro sporco ai gruppi anti-Assad

prev
Articolo Successivo

Bin Laden junior sposa la figlia di Mohammed Atta, mente degli attacchi dell’11 settembre

next