Rottura clamorosa tra Hakan Calhanoglu, calciatore del Milan, e la moglie Sinem Gundogdu. Gli strascichi sono pubblici e le parole usate per annunciare il divorzio durissime. A soli tre anni dalle nozze il trequartista ha sbottato su Instagram: “Ho deciso di non commentare il mio divorzio per rispetto. Ma il mio silenzio viene male interpretato e l’impressione è che venga deliberatamente scaricata la colpa su di me. Ho deciso di farmi avanti perché il mio onore e l’onore della mia famiglia stanno venendo trascinati nel fango. Sarà un divorzio irresponsabile perché qualcosa di grave, qualcosa di imperdonabile, è successo qualcosa che non consente di fare marcia indietro.”

I panni non si lavano in famiglia in questo caso, ma com’è giunto al capolinea il loro amore? E’ la Bild, il più famoso giornale tedesco, a raccontare qualche retroscena. Hakan sarebbe andato su tutte le furie dopo aver visto un post su Instagram della moglie (il cui profilo ora non risulta online) nel quale accusava il marito di averle messo le corna. Dopo le parole del calciatore in molti in Turchia avevano immaginato un tradimento da parte della bella Sinem che invece in questa storia sarebbe la “vittima”.

Nello stesso post la ragazza di origini tedesche affermava anche di essere incinta, questo spiegherebbe anche le altre dichiarazioni di Calhanoglu nel discusso sfogo sui social: “Se ci fosse un bambino come frutto di questo matrimonio, naturalmente affronterei le mie responsabilità. Ma non manterrò alcun contatto con la mia ex moglie e la sua famiglia. Aspetterò l’udienza in tribunale per spiegare gli eventi che hanno portato a questa decisione. Solo allora saprete la verità e potrete capirmi”.

La storia tra Sinem e Hakan, entrambi classe 1994, era già finita nel mirino delle critiche ai tempi del Bayer Leverkusen nella stagione 2016-2017. Il calciatore aveva sottoscritto un contratto con due società diverse e per questo motivo era stato squalificato per quattro mesi. Nonostante la squadra fosse a rischio retrocessione Calhanoglu aveva usato questo periodo per anticipare il matrimonio e godersi il viaggio con la moglie facendo arrabbiare i suoi compagni di squadra.