Al Globe Theatre di Londra Amleto è donna. Al contrario, la sua fidanzata Ofelia è interpretata da un uomo. Nessun errore, sul palcoscenico del teatro di Shakespeare per antonomasia è l’attrice Michelle Terry a vestire i panni del principe danese mentre tocca a Shubham Saraf rappresentare la fanciulla. Certo, quando Amleto e Ofelia duettano a ruoli invertiti l’effetto è assolutamente straniante per il pubblico, che ha accolto la novità con sorpresa e risolini. Ma questi non sono i soli personaggio della celebre tragedia ad aver cambiato sesso nello spettacolo in cartellone fino al 26 agosto: anche l’amico fedele del protagonista, Orazio, è interpretato da un’altra donna, Catrin Aaron. Quando poi Amleto, come da copione, nel secondo atto duella a colpi di fioretto con Laerte, il duello è tutto al femminile perché ad interpretare il personaggio c’è l’attrice Bettrys Jones.

Si tratta del cosiddetto gender-blind casting, ovvero audizioni organizzate per sole donne che concorrono a interpretare ruoli maschili e viceversa. Una realtà ormai diffusa in almeno una decina di teatri britannici e che va di pari passo con il fenomeno del cross-gender acting, la recitazione libera dai vincoli di genere, che oggi è stata rilanciata dal movimento #MeToo. Dopo i recenti casi di molestie nel mondo dello spettacolo, l’attenzione su questi fenomeni è tornata a farsi sentire. Se i ruoli da protagonisti, in molti spettacoli, sono riservati a uomini, perché non cercare di assegnarli a delle donne? “To she or not to she?”, si interroga quindi il quotidiano inglese The Independent. È giusto che il teatro vada in questa direzione?

Assolutamente no dice l’attore e regista Alan Stanford, secondo cui “lo stesso Shakespeare si rivolterebbe nella tomba“. Ma c’è anche chi  ritiene che “se un attore eccelle in una parte, a prescindere dal suo sesso”, è giusto che possa prendersi gli applausi del pubblico. “In fondo, se una donna può interpretare Amleto, perché non dare il ruolo di Giulietta a un uomo?” dice qualcuno. Già in passato alcune attrici avevano voluto cimentarsi nell’interpretare ruoli maschili, compreso quello di Amleto: solo due anni fa, Judi Dench ha recitato il celebre monologo “dell’essere o non essere” di Amleto sul palco di Stratford-upon-Avon, nel corso delle celebrazioni per i 400 anni dalla morte di Shakespeare.

Foto: The Independent

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jane Austen, scoperto il primo lettore della scrittrice: il futuro e detestato re Giorgio IV

next
Articolo Successivo

Quattro mezze cartelle / 21: Ogni donna ha diritto al suo vigile del fuoco

next