“Le persone non vogliono nemmeno più sentire la parola sinistra. Non la vogliono più sentire perché la associano ad aspetti negativi nei confronti della loro vita quotidiana: i tagli alla sanità, all’istruzione, ai diritti”. È una delle voci dei partecipanti alla Festa Nazionale di Sinistra Italiana per LeU, in corso fino a domenica 29 luglio all’Area Festa d’Estate del Varlungo (Firenze). Durante la serata si sono tenuti dibattiti su democrazia, costituzione e urbanismo con esponenti di varie formazioni di sinistra appartenenti a Liberi e Uguali, Rifondazione Comunista, Sinistra Italiana e MdP-Art.1. “Bisogna ritornare a difendere i più deboli e stare dalla parte degli ultimi, cosa che purtroppo ultimamente la sinistra non ha fatto”, spiega Paola Borghesi, 60 anni, militante di sinistra da quando aveva 14 anni e figlia di un partigiano, “chi ha distrutto una certa visione che poteva avere la sinistra è stato il governo Renzi“. Ripartire dagli ideali comuni per cercare di superare le divisioni. “Siamo in un momento buio come non mai. In cui la gente ha perso -non per colpa sua- ogni speranza e tende a rifarsela con chi è più povero di lui. Ma se levi i diritti delle persone, dei migranti, dopo toccheranno i tuoi”, spiega Enrico Solito, medico di Emergency. “Dei valori veri di sinistra, persi da tanto tempo, adesso abbiamo bisogno più che mai”, conclude Lavinia Marchiani

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Air Force Renzi, Di Maio e Toninelli salgono sull’aereo: “Ci sono 300 posti e Renzi voleva anche camera da letto e vasca”

prev
Articolo Successivo

Fondi Lega, al Senato protesta del Pd contro Salvini. Il ministro manda baci e fa foto, ma Casellati lo richiama

next