Un’armatura volante. Beh, facciamo una tuta volante, che è meglio. Non sarà in grado di sparare raggi laser (almeno per ora), ma l’effetto Iron Man è garantito. Stiamo parlando della suit da volo realizzata dalla Gravity Industries. E messa a punto e testata dal suo amministratore delegato in persona, Richard Browning. Si tratta di un congegno il cui pacco-jet, formato da quattro turbine a gas (due per ogni braccio) è stato stampato in 3D e fissato ad un robusto giubbotto protettivo. Così attrezzato, un essere umano è teoricamente in grado di librarsi nel cielo fino ad un’altezza di 3.658 metri e raggiungere una velocità di circa 290 km: altitudine e velocità sono sempre segnalate sul display del casco del pilota, a realtà aumentata. L’equipaggiamento pesa in totale solo 27 chilogrammi, grazie all’utilizzo di alluminio, ed è in grado per ora di compiere voli per brevi lassi di tempo, circa 4 minuti. La notizia, tuttavia, è che tutto questo è in vendita. Dunque, per facoltosi “avventurieri” dell’aria, sarà sufficiente un assegno o un bonifico da 340 mila sterline, ovvero circa 380 mila euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aston Martin DB5, eccone una di Lego per gli appassionati di 007 – FOTO

prev
Articolo Successivo

L’ultima di Elon Musk: il patron di Tesla ora vende tavole da surf – FOTO

next