“Terra chiama Noel ho sentito che sta facendo concerti in cui la gente non può bere alcolici, è la cosa più bizzarra che abbia mai fatto, lo perdono e ora ricongiungiamo la grande O e i drink li offro io”. Dopo quasi dieci anni dalla separazione, è arrivato il messaggio che tutti i fan stavano aspettando da tempo: il cantante britannico Liam Gallagher ha proposto con un tweet a suo fratello Noel di riunire il leggendario gruppo musicale Oasis, sciolto nel 2009 dopo anni di liti e incomprensioni.

La notizia ha fatto subito il giro della rete, ed è stata accolta con entusiasmo dai fan, che si sono scatenati su Twitter, facendo presto diventare #Oasis di tendenza. C’è chi promette le cose più disparate pur di rivedere unita la sua band preferita e chi invece già ipotizza come festeggiare l’evento.

Ma c’è anche chi invoca l’intervento di Raffaella Carrà per riunire finalmente i due fratelli Gallagher:

“C’mon, rimettiamo insieme la grande O” ha scritto Liam, evocando la band capace un tempo di spopolare nel mondo e assicurando di aver “perdonato” Noel per i pesanti scontri del passato. Al momento però, il suo tweet resta ancora senza risposta. I due fratelli hanno avuto forti diverbi e rivalità per anni e si separarono malamente nel 2009, al culmine di un conflitto segnato da episodi plateali come il lancio di una prugna da parte di Liam sulla testa di Noel. Lo scorso Natale sembravano però essersi riconciliati. O almeno così suggerivano alcuni scambi di messaggi proprio su Twitter. A settembre, Liam Gallagher aveva dichiarato in un’intervista all’agenzia tedesca Dpa che avrebbe preferito “il ritorno degli Oasis ad una carriera da solista”. Di parere opposto invece Noel, che alla Bbc aveva detto seccamente di non essere interessato a un reunion. Liam, però, insiste come molti fan a non voler considerare quelle parole come un “no” definitivo.

L’influente gruppo britpop raggiunse la fama mondiale nel 1995 con l’album (What’s the Story) Morning Glory?. Dalla loro separazione nel 2009 più volte si sono diffuse voci su una possibile riconciliazione degli Oasis. Chissà se questa è la volta buona: la decisione è tutta nelle mani di Noel Gallagher.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marco Paolini, dopo l’incidente mortale costato la vita a una donna: “E’ devastato, non riesce neppure a parlare”

next
Articolo Successivo

Be kind, un viaggio gentile nella diversità: dove si scopre un mondo in cui la felicità è possibile per tutti

next