1. La Croazia era la vittima designata (arbitro di una nazione sconfitta ignominiosamente 3 a 0, cioè l’Argentina); punizione che poi ha provocato il gol assai dubbia; rigore esagerato, nel 90% non sarebbe nemmeno stato preso in considerazione. Danijel Subašić, il portiere, in giornata no. Ivan Perišić il migliore. A Luka Modrić il “contentino” di miglior giocatore del Mondiale russo.

2. A Zagabria la folla e i tifosi hanno accettato la sconfitta come se fosse una vittoria e hanno festeggiato sino all’una di notte cantando, ballando, facendo cori, vincendo la delusione con l’orgoglio di chi sa che i suoi giocatori hanno grandissimo talento. E poi non è piaciuta la scenetta della loro presidentessa. Non solo: non ho mai notato poliziotti. Non ce n’era bisogno. A modo loro, una lezione di sportività. Oggi la squadra sarà accolta e scortata dall’aeroporto alla città come se avesse trionfato. I croati sono consci che la loro nazionale ha ricevuto la simpatia del mondo. Non è un trofeo ma un premio ancor più inestimabile.

3. Zdravko Mamić, l’uomo al centro dello scandalo che ha messo il calcio croato sotto processo e che è latitante – era il capo della Federazione e della grande corruzione – ha seguito la partita a Medjugorie. Inutilmente. La Madonna non ha fatto il miracolo.

4. Il valore dei calciatori croati si è impennato. Hanno giocato con cuore e con fierezza, i valori nazionalisti li hanno caricati e motivati. Ma non si mette la patria in pentola, dicevano i contadini da queste parti. Ora, per ognuno degli “eroi” vinti ma usciti dalla battaglia a testa alta, comincia un’altra guerra più impegnativa. Quella degli ingaggi e degli eventuali trasferimenti. Il calcio per il Paese può attendere. Domani, è questa la nuova partita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mondiali 2018, Macron ringrazia i giocatori della Francia poi si lascia andare: dab negli spogliatoi

next
Articolo Successivo

Mondiale 2018, le frasi di Piccinini hanno fatto indignare i telespettatori di Francia-Croazia

next