La nazionale italiana non si è qualificata ai Mondiali, ma c’è comunque una parte del Paese che sta tifando (e a volte soffrendo) davanti alla tv. È quella dei nuovi italiani raccontati nell’ultimo spot della Ceres, che fa il verso allo slogan salviniano #chiudiamoiporti, sostituendolo con #apriamoibar: “Il nostro grazie ai ragazzi che hanno portato un po’ di Italia ai Mondiali”. Protagonisti sono i migranti che abitano nelle nostre città e che in questi giorni si stanno ritrovando insieme ai connazionali nei bar, per sostenere la propria nazionale. La nota azienda produttrice di birre ha lanciato la pubblicità su Facebook il 29 giugno facendo in pochi giorni il record di visualizzazioni (quasi un milione e mezzo) e di commenti, tra chi elogia il messaggio di fratellanza e integrazione e chi invece ne critica l’idea alla base e taccia l’azienda di “buonismo stile Mulino bianco”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alfonso Signorini: “Desidero un figlio. Vorrei vivere in un Paese che permette di adottare alle coppie gay”

prev
Articolo Successivo

Bambino di 8 anni disegna le figurine dei giocatori perché non ha i soldi per comprarle. E la Panini lo premia

next