Dei propri problemi o malattie mentali meglio che la gente ne parli in mezzo e con gli altri “perché tenerle nascoste fa ammalare”. Parola di Lady Gaga. La 32enne cantante newyorchese è intervenuta durante la cerimonia dei Global Changemakers Award per ricevere, assieme a sua madre Cynthia Germanotta, un premio per l’attività della sua Born This Way Foundation, istituzione privata che si occupa proprio di aiutare i ragazzi con problemi mentali.

Lady Gaga ha poi voluto leggere in pubblico alcune parti di un messaggio con intenti suicidi pubblicato online da un suo amico: “Non posso più rimanere in silenzio. La scomparsa di Kate Spade e Anthony Bourdain mi ha fatto venir voglia di parlare della mia malattia mentale. Ho vissuto esperienze suicide e pensieri suicidi ossessivi ciclici negli ultimi quattro anni”, recita la lettera letta da Lady Gaga. “All’inizio pensavo di essere da solo e di essere una persona cattiva, ma poi sono stato in grado di essere onesto con il mio psichiatra. L’onestà è stata accolta con sincero amore, preoccupazione e un sacco di sostegno dal mio team medico di salute mentale. Ho iniziato ad incontrare altri come me. (…) C’è tanto aiuto là fuori se hai il coraggio di essere onesto con te stesso e con gli altri su quello che stai passando”.

L’autrice di Bad Romance ha poi concluso l’intervento ricordando quella che secondo lei è la ricetta da adoperare in questi casi: la gentilezza. “Facciamo in modo che le persone stiano insieme e abbiano conversazioni vere, oneste. E che soprattutto siano gentili. La gentilezza non è un ripensamento del nostro lavoro. È la forza trainante per tutto ciò che facciamo. È l’obiettivo di ogni sfida. Per me, quasi tutti i problemi a cui puoi pensare possono essere risolti con gentilezza”.