Metti insieme la passione di Horacio Pagani e soprattutto la sua “creatura” più famosa, l’estro della pittice Shalemar Sharbatly (maestra della Moving Art) e la perizia di Foglizzo nelle tinte e di D-Factory Italia nei rivestimenti auto. Il risultato è quello che vedete qui sopra: una specialissima Zonda S che nulla ha da invidiare a un’opera d’arte. Una hypercar che, dopo l’alternanza di colori applicata dalla Sharbatly sulla sua carrozzeria, evoca movimento anche a ruote ferme. Un trattamento effettuato a mano e durato quattro giorni, che ha esaltato le forme sinuose di un oggetto cult come questo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Volkswagen Modo, un sito web per capire la mobilità di oggi e domani

prev
Articolo Successivo

Nissan, una Leaf cabriolet per festeggiare le vendite in Giappone – FOTO

next